Elezioni in Sicilia, centrodestra spaccato: scende in campo Berlusconi - QdS

Elezioni in Sicilia, centrodestra spaccato: scende in campo Berlusconi

web-j

Elezioni in Sicilia, centrodestra spaccato: scende in campo Berlusconi

web-j |
lunedì 25 Aprile 2022 - 09:08

Il leader di Forza Italia scende in campo per sciogliere i nodi che attanagliano il centrodestra, che continua a dividersi e a litigare sulla candidatura di Francesco Cascio a Palermo

Silvio Berlusconi scende in campo per sciogliere i nodi che attanagliano il centrodestra, che continua a dividersi e a litigare sulla candidatura di Francesco Cascio a Palermo da parte di Forza Italia e Lega, osteggiata da Fratelli d’Italia: “Mi sembra che la cosa fondamentale sia essere uniti, perché uniti si vince, divisi si perde. Credo quindi che ci debba essere al più presto un incontro tra noi, Fratelli d’Italia, la Lega e le altre forze politiche del centrodestra per individuare e decidere delle candidature condivise” – ha detto il leader di Forza Italia.

Intesa ancora in alto mare

 “Fdi ha rinviato di qualche ora il previsto annuncio di convergere su altre candidature, pronti a discutere solo nel caso in cui la coalizione dimostrasse di mettere al primo posto la sua unità rispetto agli egoismi, lavorando su un quadro complessivo che punti alla vittoria del centrodestra e non agli egoismi di partito”, è la risposta di Fratelli d’Italia, che arriva con Ignazio La Russa.

Francesco Cascio (Fi), uno dei quattro candidati dello schieramento a sindaco di Palermo aveva annunciato : l’intesa si troverà tra 48-72 ore”. Ma le sue certezze dovevano fare i conti con un ultimatum lanciato come un siluro al mattino da Ignazio La Russa, che parla a nome di Giorgia Meloni. Un “appello” alle forze di centrodestra perché non fosse ufficialmente presentata la candidatura di Cascio in ticket con quella da vice sindaco di Alberto Samonà, uomo di Salvini. Secca la replica di Licia Ronzulli, vice presidente dei senatori di Forza Italia, inviata di Berlusconi in Sicilia per cercare di ricucire i rapporti: “L’unità non si ottiene con strappi e ultimatum, ma facendo un passo indietro rispetto alle ambizioni di partito”. Un altro fermo invito a non fare un passo troppo lungo veniva anche da Lorenzo Cesa, segretario dell’Udc, che invece punta sull’ex rettore Roberto Lagalla: “L’appello” di La Russa aveva agitato le acque perché collegava le elezioni comunali, che si terranno a giugno, con quelle regionali in programma in autunno. Fdi ha più volte sostenuto che alla Regione vorrebbe confermare Nello Musumeci.

Questione regionali

 “Ha lavorato bene, merita di rimanere dov’è”, ha ripetuto Giorgia Meloni. E solo nella prospettiva di una conferma di Musumeci Fdi sarebbe disposta a ritirare la candidatura a sindaco della parlamentare nazionale Carolina Varchi. “Per noi non vi è ragione di discutere la ricandidatura di Nello Musumeci, presidente della Regione uscente apprezzato dai siciliani per la sua concretezza e la sua onestà. Ancora una volta dimostriamo di essere i più convinti sostenitori del centrodestra unito, ma ribadiamo la nostra indisponibilità ad accettare diktat incomprensibili e strategie che abbiano come conseguenza la vittoria delle sinistre”, ribadisce dove l’intervento di Berlusconi La Russa.

Ma il riferimento a Musumeci precipita sugli scenari di un’altra sanguinosa guerra dentro il centrodestra. “Musumeci no”, ha tuonato Gianfranco Micciché, presidente dell’Assemblea regionale e coordinatore di Forza Italia in Sicilia. “Contro di lui vincerebbe anche un gatto”, si è lasciato sfuggire in una delle tante occasioni in cui ha fulminato il suo dirimpettaio di palazzo d’Orleans. Gli attacchi di Micciché a Musumeci da un lato hanno fomentato altri focolai dentro Forza Italia (il gruppo parlamentare si è spaccato) e dall’altro hanno reso più fosco il quadro in cui è maturata la candidatura di Cascio, sostenuta da Fi, Noi con l’Italia, Coraggio Italia e Lega che a Palermo fa esordire la nuova lista Prima l’Italia.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684