Continua lo scontro su contrada Muglia e sul discusso progetto per la discarica - QdS

Continua lo scontro su contrada Muglia e sul discusso progetto per la discarica

redazione

Continua lo scontro su contrada Muglia e sul discusso progetto per la discarica

venerdì 11 Ottobre 2019 - 00:00
Continua lo scontro su contrada Muglia e sul discusso progetto per la discarica

Lontani i modelli virtuosi d’Italia e d’Europa, dove l’immondizia è usata per produrre energia. In Sicilia la questione legata ai siti per il deposito dei rifiuti è ancora di grande attualità

ENNA – Non si placano le polemiche intorno alla discarica che la società Oikos vorrebbe costruire in contrada Muglia (tra Centuripe e Catenanuova). A inasprire lo scontro ci ha pensato il ricorso al Tar presentato dalla società contro il parere della Soprintendenza. Una scelta che ha fatto andare su tutte le furie i rappresentanti del comitato No discarica.

Perplessità sul progetto, però, sono state manifestate anche da parte di storici, archeologi, associazioni ambientaliste e tutti coloro i quali ritengono che il luogo non debba essere interessato dalla presenza di questo nuovo sito per i rifiuti.

Dal canto suo la Oikos, anche a fronte della grave crisi nella gestione dell’immondizia che da anni interessa la Sicilia, non demorde: per questo si è impegnata per rimodulare il progetto, ha presentato ricorso al Tar e ha sottolineato, tramite i propri legali, come la discarica non alteri il territorio “perché è un luogo di transumanza”.

Per tutta risposta, nei giorni scorsi, negli uffici comunali di Catenanuova, si è tenuto un incontro tra i componenti dell’Amministrazione presieduta dal sindaco Carmelo Scravaglieri e i rappresentanti dei Comitati No discarica di Catenanuova e Centuripe. Nel corso della riunione è stato stabilito un piano programmatico avente come scopo la creazione di una rete con le Amministrazioni dei Comuni limitrofi alla vallata di Muglia e tutti gli Enti, associazioni e Comitati interessati a contrastare il progetto di costruzione della discarica.

“Nel corso dei prossimi giorni – hanno reso noto gli interessati al termine dell’incontro – saranno rese note le azioni che verranno messe in atto grazie all’accordo”.

Insomma, la questione discariche in Sicilia continua a restare di grande attualità. E in pochi, in questo tran tran, si rendono conto di come basterebbe copiare i modelli virtuosi del resto d’Italia e d’Europa per eliminare alla radice tutte le questioni. Parliamo, ancora una volta, dei termocombustori, impianti di produzione di energia che utilizzano i rifiuti solidi urbani come materia prima, che hanno risolto il problema dei rifiuti in gran parte del Continente. Altro che discariche. Basterebbero questi impianti, tutti di nuova generazione e a bassissimo impatto ambientale, per risolvere nel giro di pochi anni la tanto discussa emergenza rifiuti.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684