Erasmus+ e Corpo europeo di solidarietà, la Sicilia fa il pieno di progetti under 30 - QdS

Erasmus+ e Corpo europeo di solidarietà, la Sicilia fa il pieno di progetti under 30

redazione

Erasmus+ e Corpo europeo di solidarietà, la Sicilia fa il pieno di progetti under 30

mercoledì 12 Giugno 2019 - 00:00
Erasmus+ e Corpo europeo di solidarietà, la Sicilia fa il pieno di progetti under 30

L’Agenzia per i giovani ha assegnato 4,5 milioni di euro a 184 proposte di associazioni giovanili. Le attività riguarderanno soprattutto il volontariato e tirocini rivolti alle nuove generazioni

ROMA – L’Agenzia nazionale per i giovani (www.agenziagiovani.it), ente vigilato dalla Presidenza del Consiglio e dalla Commissione Europea, ha assegnato 4,5 milioni di euro a 184 progetti proposti, gestiti e realizzati da associazioni giovanili, nell’ambito del primo round di valutazione dei programmi Erasmus+ Gioventù in azione e Corpo europeo di solidarietà. Grazie a questi progetti potranno esser realizzate iniziative che avranno ricadute su diversi ambiti della società (ambiente, integrazione, occupazione, inclusione, arte e cultura), un forte impatto a livello locale e contribuiranno a migliorare la vita democratica del paese.

Nell’ambito del nuovo programma dell’Ue, il Corpo europeo di solidarietà, sono stati approvati 59 progetti per un totale di 1.4 milioni di euro di finanziamento. Coinvolti 243 giovani provenienti da tutto il paese, di cui il 24% che partono da situazioni di forte svantaggio sociale. Le attività riguarderanno, maggiormente, progetti di volontariato, solidarietà, tirocinio e lavoro rivolti alle nuove generazioni.

Ad esempio “Play the city” è un progetto proposto da 7 giovani milanesi, alcuni dei quali stranieri che da poco vivono nella città, impegnati nella promozione dello sport come veicolo di inclusione nei quartieri popolari di Milano. A Trani, invece, un gruppo di 6 ragazzi con “Food4U” ha deciso di provare a trovare una soluzione che contribuisca a risolvere il problema dello spreco alimentare e della difficoltà di accesso al cibo chiudendo, in base ai modelli dell’economia circolare, la filiera del “cibo recuperato”, intervenendo attivamente nelle fasi di recupero, distribuzione e trasformazione degli scarti ed eccedenze alimentari.

Mentre in Sardegna un’associazione si occupa di rendere accessibili le informazioni sui progetti europei per tutti i giovani, in particolare quelli delle comunità locali con disabilità uditive grazie alla lingua dei segni. In Puglia, infine, il progetto “Giù la maschera – un ponte tra culture” promuove tramite l’organizzazione di un laboratorio teatrale multiculturale, la realizzazione di un documentario e il coinvolgimento dei gruppi di minoranza nelle attività associative del territorio una maggiore partecipazione alla vita della comunità delle minoranze linguistiche o religiose, isolate o poco integrate nel tessuto sociale.

L’elemento di novità riguarda la possibilità che le attività ed i progetti presentati – anche di piccole dimensioni – siano sviluppate e attuate in totale autonomia gestionale a livello locale da un gruppo di almeno 5 giovani, per un periodo da 2 a 12 mesi, con l’obiettivo di esprimere solidarietà e sollecitare cambiamenti positivi nella propria comunità di riferimento.

In relazione al programma Erasmus+, nel dettaglio, sono stati assegnati 3.1 milioni di euro – per 125 progetti – a 119 organizzazioni radicate in tutto il territorio del paese. I progetti appartenenti al primo round Erasmus+ coinvolgeranno ben 18 regioni italiane.

Tra le aree più rappresentate c’è la Sicilia (con 23 progetti), il Piemonte (con 16), la Campania (con 13) e la Lombardia (con 10). I giovani coinvolti saranno 6.065 di cui 1.628 provenienti da situazioni di forte svantaggio sociale. Nel dettaglio sono stati approvati 43 progetti di volontariato, 13 di solidarietà e 3 di tirocinio e lavoro.

“I programmi dell’Agenzia nazionale per i giovani – spiega Domenico De Maio, direttore generale dell’Agenzia nazionale per i giovani – calano l’Europa nei territori. Stiamo lavorando con passione per diventare il punto di riferimento per i ragazzi dando loro gli strumenti per mettersi in gioco, per essere protagonisti in Italia ed in Europa e lavorare su tematiche di loro interesse. Il lavoro dell’Agenzia è quello di motivare, far conoscere e fornire opportunità e dire finalmente ai giovani che le istituzioni sono dalla loro parte, che le istituzioni sono casa loro”.

Prossima scadenza per presentare i progetti ai programmi Erasmus+ e Corpo Europeo di Solidarietà è fissata per il primo ottobre.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684