Ergastolo ostativo, Maria Falcone, Parlamento intervenga - QdS

Ergastolo ostativo, Maria Falcone, Parlamento intervenga

web-mp

Ergastolo ostativo, Maria Falcone, Parlamento intervenga

web-mp |
giovedì 15 Aprile 2021 - 20:01

La sorella del giudice Giovanni Falcone ha commentato la sentenza della Corte Costituzionale sull’ergastolo ostativo: "Non pregiudicare l'efficacia delle norme antimafia"

“Dopo la decisione della Consulta che solleva dubbi di costituzionalità sull’ergastolo ostativo mi auguro che il legislatore intervenga presto in modo però da non pregiudicare l’efficacia di una normativa antimafia costata la vita a tanti uomini delle istituzioni”. Così Maria Falcone, sorella del giudice Giovanni Falcone e presidente della fondazione che del magistrato porta il nome, commenta la sentenza della Corte Costituzionale sull’ergastolo ostativo.

“Chiunque abbia una conoscenza minima del mondo mafioso, però, -spiega – sa che solo la collaborazione con la giustizia spezza i legami tra l’uomo d’onore e il clan.

Concedere la libertà condizionale o altri benefici a prescindere dalla scelta netta della piena collaborazione sarebbe un errore pericolosissimo. Come sarebbe sbagliato e grave lasciare ai giudici, sovraesponendoli, la discrezionalità di scegliere caso per caso”.

Indagini recenti, ma gli esempi che potrei citare sono tantissimi, – aggiunge Maria Falcone – dimostrano quanto la materia sia insidiosa.

Solo qualche mese fa è venuto fuori da un’indagine che un killer della Stidda condannato all’ergastolo per aver ucciso il giudice Livatino, al quale erano stati concessi permessi premio sulla base di un presunto ravvedimento, appena tornato nel suo ambiente è tornato alla guida del clan”.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684