Etichette, cresce il “Made in Sicily” - QdS

Etichette, cresce il “Made in Sicily”

Michele Giuliano

Etichette, cresce il “Made in Sicily”

mercoledì 30 Marzo 2022 - 05:30

L’Osservatorio Immagino GS1 Italy: “I prodotti con denominazione locale in aumento del 5%”. Un trend positivo che fa dell’Isola la seconda regione per peso di vendite dopo il Trentino

PALERMO – L’etichetta “regionalizzata” in Sicilia sta cominciando a prendere piede, e le aziende dell’Isola sembrano averne riconosciuto il valore.

L’Osservatorio Immagino GS1 Italy studia ormai da anni la risposta del mercato, sia dalla parte degli acquirenti che dalla parte delle aziende, ai prodotti che danno rilevanza, nella propria immagine e nella propria comunicazione alla provenienza da una determinata regione o località, e ogni anno questo elemento diventa sempre più importante.

Dai dati raccolti dall’osservatorio Immagino, che conta nel suo carnet 84.804 prodotti, la Sicilia registra, nel 2020 (ultimo anno censito, ndr), circa l’1,3% dei prodotti con denominazione locale, o la cui etichetta richiama alla località in cui il prodotto nasce.

Meglio della Sicilia solo il Trentino Alto Adige

In termini di valore, sul totale, ci fermiamo all’1%, ma la crescita, rispetto al 2019, è stata del 5,1%, un trend positivo già segnalato nell’anno precedente, quando, era stata individuata una crescita del 4,2%. Meglio della Sicilia soltanto il Trentino Alto Adige, con l’1,1%; al terzo posto, invece, troviamo il Piemonte, con lo 0,9%.

La scelta di acquistare “siciliano” non sembra essere però strettamente degli isolani. Le regioni in cui regna il “sovranismo” alimentare sono la Saregna, il Trentino-Alto Adige e il Friuli Venezia Giulia, mentre in Lombardia, Emilia-Romagna, Campania, Molise e Calabria i prodotti del territorio locale restano preponderanti e sviluppano più vendite rispetto alla media nazionale.

In Sicilia, invece, c’è da dire che sembra avere un ottimo appeal anche il paniere “made in Lombardia”, come in Calabria, Campania e Basilicata.

C’è inoltre da segnalare che il prodotto in sé, secondo i dati raccolti dall’Osservatorio GS1 Italy, spesso diventa solo una piccola parte, non predominante, della esperienza di acquisto del cliente, al di là di quello che potrebbe essere considerata una scelta puramente razionale, per cui si sceglie in base alla propria necessità. Invece, molto spesso è lo stesso punto vendita a rappresentare quell’elemento di svolta che si inserisce nel processo decisionale di acquisto.

Non è un caso che, ancora, il 73% degli italiani preferisce acquistare gli alimentari nel punto vendita fisico, perché non vuole rinunciare alla spesa dal vivo (37%) e vuole toccare i prodotti (21%).
“Il negozio è legato a un modello che ha 40 anni, lo scaffale – sottolinea Matteo Arata, consulting retail lead per Accenture Italia, azienda leader nella consulenza commerciale strategica -e dei 27 minuti mediamente spesi per fare la spesa oltre la metà è dedicata ad attività a basso valore aggiunto”.

Partendo da questo assunto, ormai condiviso, è stato formulato il TradeLab Shopping Index dell’Osservatorio Non Food di GS1 Italy, un indicatore esclusivo che misura la capacità di attrazione complessiva dei contenitori commerciali in cui sono inserite le insegne della distribuzione moderna specializzata presenti in Italia.

“Questo indice – spiega Marco Cuppini, research and communication director GS1 Italy – permette d’inquadrare l’evoluzione della nuova dimensione competitiva nella distribuzione, quella tra sistemi di offerta commerciale in grado di attrarre quote significative di potenziali clienti”.

Tra le agglomerazioni urbane centrali, Palermo, si trova al 10° posto con il centro storico, nelle arterie principali delineate da via Maqueda, via Roma, via Ruggero Settimo, corso Finocchiaro). Un buon risultato, anche se in discesa di una posizione rispetto allo scorso anno.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684