Fondi Ue non risolvono tutti i nostri problemi - QdS

Fondi Ue non risolvono tutti i nostri problemi

Marco Vitale

Fondi Ue non risolvono tutti i nostri problemi

mercoledì 15 Settembre 2021 - 02:30

Sarebbe un errore mortale tornare ad impigrirci, pensando che tanto c’è l’Europa e Draghi che ci pensano

Illudersi che i contributi UE risolvano tutti i nostri problemi. Un altro grande rischio che corriamo è di adagiarci sull’illusione che questi contributi europei, ora forse messi in sicurezza, risolvano da soli tutti i nostri problemi.
Sarebbe un grande errore.

I contributi europei saranno certo preziosi per rimettere in moto la macchina. Ma, pur nella loro entità, sono piccola cosa a fronte delle immense necessità del sistema Italia.
La partita in gioco chiama a raccolta tutte le migliori energie del Paese.

La sfida si allarga a tutte le forze sociali, economiche e culturali del Paese, famiglie, imprese, associazioni, scuola, altri organi intermedi, tutti devono dare il meglio di sé.

Le risorse pubbliche avranno ben poco effetto se non riusciranno a mobilitare anche gli investimenti e le energie dei privati.

Sarebbe un errore mortale tornare ad impigrirci, pensando che tanto c’è l’Europa e Draghi che ci pensano.
Il ricupero dell’Italia dipende dall’impegno di ciascuno e di tutti e non è certo esagerato dire che questo impegno non può essere inferiore a quello del dopoguerra.

Un altro punto fondamentale e ben conosciuto agli studiosi e operatori seri dello sviluppo ed agli economisti d’impresa è, credere che lo sviluppo possa scaturire solo da fonti finanziarie.

Se non si uniscono a competenza, volontà e integrità, fonti finanziare abbondanti, possono fare più male che bene.

La storia del nostro Mezzogiorno degli ultimi 70 anni è lì a raccontarci questa grande verità. Avendo vissuto molte esperienze nel Mezzogiorno le ho raccontate in un libro recente, intitolato “Il Sud esiste”7, che ho voluto pubblicare proprio per esorcizzare il rischio che la disastrosa esperienza del mezzogiorno e le idee sbagliate che ne hanno guidato la politica possano ripetersi, in grande, in occasione del Recovery Fund.

A chi è sinceramente interessato dico: studiate a fondo l’esperienza del nostro Mezzogiorno e fate tutto, ma proprio tutto, diverso da come è stato fatto negli ultimi 70 anni.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684