Francofonte, botte e minacce alla compagna segregata in casa: 31enne arrestato - QdS

Francofonte, botte e minacce alla compagna segregata in casa: 31enne arrestato

web-mp

Francofonte, botte e minacce alla compagna segregata in casa: 31enne arrestato

web-mp |
martedì 17 Maggio 2022 - 10:24

L'uomo più volte avrebbe sottoposto la compagna a violenze fisiche e psicologiche, arrivando a segregarla in casa, chiudendola a chiave in una stanza priva di balconi, quando lui usciva di casa

Con l’accusa di maltrattamenti in famiglia, lesioni e sequestro di persona i carabinieri della Stazione di Francofonte hanno arrestato un 31enne, originario del Ragusano ma da tempo residente nel Comune in provincia di Siracusa.

La ricostruzione dei Carabinieri

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori dell’Arma l’uomo più volte avrebbe sottoposto la compagna a violenze fisiche e psicologiche, arrivando a segregarla in casa, chiudendola a chiave in una stanza priva di balconi, quando lui usciva di casa.

La violenza dal Ragusano fino a Francofonte

Maltrattamenti e violenze avevano avuto inizio in un Comune del Ragusano, per poi continuare a Francofonte, dove la coppia si era stabilita nella speranza, rimasta vana, di recuperare il rapporto.

Infatti, dopo un primo periodo di apparente calma, il 31enne, ha ripreso nella sua condotta violenta, fino a quando la donna si è decisa a denunciarlo e a interrompere la relazione e la convivenza.

L’aggressione al centro del paese, la donna colpita alla bocca e i denti rotti

Però l’uomo, non rassegnatosi alla fine della complicata relazione e noncurante degli ammonimenti notificatigli dai carabinieri, ha sorpreso la vittima da sola in una strada del centro, l’ha avvicinata e, dopo averla insultata, ha colpita con un oggetto contundente alla bocca, provocandole la rottura dei denti e costringendola a ricorrere a urgenti cure mediche.

Proprio quest’ultimo episodio ha indotto l’autorità giudiziaria, su richiesta della Procura di Siracusa, a emettere il provvedimento degli arresti domiciliari, eseguito dai militari.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684