Gagliano, matrimonio territori rurali, via libera alla valorizzazione - QdS

Gagliano, matrimonio territori rurali, via libera alla valorizzazione

Cinzia Nicita

Gagliano, matrimonio territori rurali, via libera alla valorizzazione

sabato 24 Luglio 2021 - 00:00

Semaforo verde da parte del Comune di Gagliano Castelferrato. Il progetto mira a recuperare e rivitalizzare le vie di transumanza ed i beni materiali

Gagliano Castelferrato (EN) – La Giunta municipale, guidata dal primo cittadino Salvatore Zappulla, ha dato il via libera alla valorizzazione dei patrimoni dei territori rurali nell’ambito del programma “ Terre rurali d’Europa” e alla realizzazione del progetto interregionale “Parchi, pastori, Transumanze e grandi vie delle civiltà – Parcovie 2030”.

Il progetto è il frutto di una cooperazione transnazionale iniziata dal Moligal, gruppo di azione locale (Gal) del Molise, con altri Gal di Francia, Svezia, Spagna e Portogallo, nell’ambito del programma di cooperazione Leader 2007-2013 e del partenariato, di cui il comune di Troina è capofila e coordinatore, fanno parte per la provincia ennesi: Centuripe; Sperlinga; Regalbuto; Valguarnera; Catenanuova; Cerami e Nicosia.

Nello specifico si tratta di realizzare un progetto di cooperazione volto a rivitalizzare, recuperare e valorizzare le trazzere e le vie di transumanza ed i beni materiali che emergono lungo i percorsi dei territori interessati dall’accordo; procedere ad un’attività di ricerca territoriale per rendere operativo l’utilizzo della rete delle vie della transumanza , del recupero dei borghi, attività artigiane, creazione di una community territoriale.

Obiettivo principale è quello di elaborare un programma che abbia come finalità la creazione di nuova occupazione, evitare lo spopolamento, la riqualificazione, del patrimonio storico, culturale, ambientale e delle tradizioni della civiltà agropastorale, delle produzioni tipiche agroalimentari e dell’artigianato e creare al contempo opportunità idonee a favorire l’implementazione di attività multisettoriali, capaci di generare sviluppo del territorio anche ecocompatibile con la propria identità.

Prevista, inoltre, la formazione e una campagna informativa con attività multidisciplinari e con supporti tecnologicamente avanzati dedicata alle nuove generazioni, per sostenere contemporaneamente anche la fidelizzazione di un pubblico interessato al recupero delle culture autoctone e specifiche della vita pastorale.

Per la realizzazione di questi progetti sarà possibile accedere ai prossimi finanziamenti nazionali (Piano operativo nazionale Italia progetto per il sud) e ai finanziamenti europei della nuova programmazione 2021-2028, in sinergia anche con gli altri Stati europei nonché al Recovery Fund.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684