Gela, tanti servizi da potenziare a iniziare dalla cura delle strade - QdS

Gela, tanti servizi da potenziare a iniziare dalla cura delle strade

Blanco Liliana

Gela, tanti servizi da potenziare a iniziare dalla cura delle strade

venerdì 20 Maggio 2022 - 09:30

L’Amministrazione continua a puntare il dito contro le aziende che gestiscono i sottoservizi. L’assessore Morselli: "Stiamo facendo partire ulteriori diffide e siamo pronti a passare alle vie legali"

GELA (CL) – La Tari è arrivata, puntuale come sempre, ma a fronte di un costo per le famiglie che in molti in città continuano a definire troppo salato, la città appare agli occhi di molti troppo sporca e abbandonata al proprio destino.

Tante le buche presenti nelle strade di Gela

Un tema, quello dei servizi ai cittadini, che non riguarda solo l’igiene urbana. Basti pensare alle tante strade rattoppate a macchia di leopardo, con le buche che nonostante le intenzioni dell’Amministrazione comunale continuano a farla da padrone. Per non parlare delle sterpaglie che già, con la bella stagione, cominciano a bruciare: basta una cicca di sigaretta e l’incendio è servito, come accaduto qualche giorno fa vicino al Palazzo di Giustizia. Questa è la situazione generale di Gela, la stessa città che si candida a punto di riferimento turistico della zona.

Lunga la lista delle segnalazioni dei cittadini

Sulla questione buche, il Comune ha avviato già da qualche settimana un confronto con le aziende che si occupano dei sottoservizi. La lista delle segnalazioni di disservizi da parte dei cittadini si allunga e il settore dei Lavori pubblici sta cercando di rispondere alle tante richieste di intervento.

“Per settimane – ha affermato l’assessore Romina Morselli – abbiamo tentato la strada del dialogo. Ci è stato garantito che le aziende avrebbero proceduto con tempestività ai ripristini, sia provvisori che definitivi, nelle zone interessate da scavi e interventi, ed effettivamente un piccolo segnale di apertura e disponibilità lo abbiamo riscontrato. Ma questo non basta perché c’è una città devastata e perché vogliamo che seriamente i nostri interlocutori si assumano il compito di sistemare tutto”.

Il Comune: “Stiamo facendo partire le diffide”

“Per questo – ha aggiunto – abbiamo avviato una nuova e intensa interlocuzione con tutti: stiamo facendo partire altre diffide e siamo pronti, sebbene a malincuore, a passare alle vie legali, con tutto ciò che ne consegue. Il problema riguarda soprattutto Caltaqua, e abbiamo chiesto ai responsabili di venire da noi con il loro elenco di segnalazioni, per confrontarlo con il nostro e andare a fare sopralluoghi congiunti”.

“Non si può più improvvisare – ha concluso Morselli – vogliamo programmare e risolvere tutto man mano. I cittadini sappiano che abbiamo il quadro chiaro e che ho anche tutte le segnalazioni stampate”.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684