Gela, la stazione come centro dello spaccio di droga: 13 misure cautelari

Gela, la stazione come centro dello spaccio di droga: 13 misure cautelari

web-pv

Gela, la stazione come centro dello spaccio di droga: 13 misure cautelari

web-pv |
mercoledì 27 Aprile 2022 - 05:00

Nove le persone finite in carcere, sotto l'occhio degli inquirenti 200 episodi di spaccio di cocaina, marijuana e hashish

I carabinieri del Reparto Territoriale di Gela hanno eseguito una ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip del Tribunale di Gela, su richiesta della Procura, a carico di 13 persone, accusate a vario titolo di spaccio di sostanze stupefacenti, rapina a mano armata e tentativo di furto in abitazione.

La rapina

Le indagini, svolte dai militari della Sezione Operativa del Nucleo Operativo e Radiomobile tra maggio e ottobre del 2020, hanno consentito di raccogliere elementi indiziari in ordine a più di 200 episodi di spaccio di cocaina, marijuana e hashish, avvenuti nella zona della Stazione Ferroviaria di Gela. Secondo l’accusa, tra i destinatari della misura cautelare ci sarebbero anche gli autori di una rapina a mano armata avvenuta a Gela il 29 maggio 2020 e di un tentativo di furto in abitazione, commesso sempre a Gela il 17 luglio 2020. In particolare, durante la rapina, due giovani armati di pistola e travisati da passamontagna hanno fatto irruzione nella tabaccheria della Stazione di Gela e, dopo aver aggredito un dipendente, si sono impossessati dell’incasso e di numerosi tagliandi Gratta e Vinci.

Il furto

Il tentato furto invece, contestato a due degli indagati, è avvenuto in un appartamento di una coppia: due giovani, arrampicandosi dal tubo di scarico delle acque piovane di una palazzina del rione Albani Roccella, hanno raggiunto il balcone della cucina e, dopo aver scassinato la porta finestra, si sono introdotti in casa, sicuri del fatto che non vi fosse nessuno perché si stava celebrando il funerale di uno dei due proprietari. Durante le indagini, sono state arrestate in flagranza 5 persone e sequestrati diversi quantitativi di sostanze stupefacenti.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684