Green pass e viaggi, Ue propone validità 9 mesi, proroga solo con richiamo - QdS

Green pass e viaggi, Ue propone validità 9 mesi, proroga solo con richiamo

Web-mp

Green pass e viaggi, Ue propone validità 9 mesi, proroga solo con richiamo

Web-mp |
giovedì 25 Novembre 2021 - 14:20

La commissione Europea segue l'Italia nella proposta di ridurre la validità del certificato verde, per consentire i viaggi all'interno dell'Ue

Oggi la Commissione europea ha proposto di aggiornare le norme sul coordinamento della sicurezza e della libera circolazione nell’UE, messe in atto in risposta alla pandemia di COVID-19. E propone un periodo standard di accettazione dei certificati di vaccinazione di 9 mesi dal primo iter vaccinale.

L’Europa segue l’esempio Italia sul green pass, ecco perchè

Fino ad oggi, il regolamento Ue sul certificato Covid, non prevedeva alcuna scadenza per il pass ai vaccinati, a differenza di quanto invece previsto per chi guarisce dal virus o per chi si sottopone a un test. In realtà, poiché il regolamento, varato in via definitiva lo scorso giugno, ha una validità di 12 mesi, di fatto tutti i certificati sarebbero dovuti scadere la prossima estate. 

Una decisione importante per gli spostamenti dei cittadini nell’Ue

“Raccomandiamo agli Stati membri un periodo di validità standard per il green pass di nove mesi dalla vaccinazione completa. Al di là dei nove mesi il certificato non dovrebbe più essere accettato a meno che non sia stata somministrato un richiamo”. Lo ha spiegato il commissario europeo alla Giustizia, Didier Reynders, illustrando la raccomandazione sui viaggi nell’Ue

Cambio di rotta in Ue sulla durata della validità del green pass, più vaccini ma ancora troppi contagi

Dall’estate, fa notare un comunicato dell’esecutivo Ue, la diffusione del vaccino è aumentata in modo significativo e il certificato digitale COVID dell’Ue è stato implementato con successo, con oltre 650 milioni di certificati emessi fino ad oggi. Allo stesso tempo, la situazione epidemiologica nell’Ue continua a svilupparsi con alcuni Stati membri che adottano ulteriori misure di sanità pubblica, compresa la somministrazione di vaccini di richiamo.

Tenendo conto di tutti questi fattori, la Commissione propone di concentrarsi maggiormente su un approccio “basato sulla persona” per le misure di viaggio e un periodo standard di accettazione dei certificati di vaccinazione di 9 mesi dalla serie di vaccinazioni primarie. Il periodo di 9 mesi tiene conto della guida del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) sulla somministrazione di dosi di richiamo a partire da 6 mesi e prevede un periodo aggiuntivo di 3 mesi per garantire che le campagne di vaccinazione nazionali possano adeguarsi e i cittadini possono accedere ai booster. (Askanews)

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684