Guerra Ucraina, negoziati in Turchia: incontro Putin-Zelensky

Guerra Ucraina, Kiev: “Sì a neutralità ma con garanzie”. Mosca riduce le attività militari

web-pv

Guerra Ucraina, Kiev: “Sì a neutralità ma con garanzie”. Mosca riduce le attività militari

web-pv |
martedì 29 Marzo 2022 - 16:10

Passi in avanti nei colloqui tra le delegazioni ucraine e russe: Kiev apre allo status di neutralità e Mosca allenta la pressione militare sulla capitale. Possibile incontro tra Putin e Zelensky

La Russia ha proposto che un incontro tra il presidente russo Vladimir Putin e il capo di stato ucraino Volodymyr Zelensky si concretizzi in maniera simultanea alla firma di un trattato di pace da parte dei ministri degli Esteri. Lo ha detto il caponegoziatore russo Vladimir Medinsky dopo il round di trattative a Istanbul.

I temi del colloquio

I negoziatori ucraini hanno riferito di aver discusso oggi a Istanbul con la controparte russa di “un sistema di garanzie di sicurezza”, che prevede diversi paesi come garanti, tra cui Turchia, Polonia, Stati Uniti e Canada, e dello status di neutralità dell’Ucraina, che prevede che non ci siano basi militari straniere sul proprio territorio. Lo riportano i media turchi al termine dei colloqui tenuti oggi a Istanbul. I negoziati con la parte ucraina che si sono svolti oggi a Istanbul sono stati definiti “costruttivi” dalla delegazione russa. Adesso Mosca valuterà le proposte di Kiev che “saranno riferite a Putin”, ha spiegato il caponegoziatore russo, scrive Ria Novosti. La Russia non è contraria all’accesso dell’Ucraina all’Unione europea

La Russia allenta la presa su Kiev

Il ministero della Difesa russo ha deciso di ridurre significativamente le attività militari nelle regioni di Kiev e Chernihiv, ha dichiarato il vice ministro Alexander Fomin. “Nell’ambito dei negoziati per la preparazione di un accordo di neutralità e sullo status di Paese senza nucleare dell’Ucraina, e in merito alle previsioni delle garanzie di sicurezza verso l’Ucraina, stiamo mettendo in pratica, tenendo conto dei principi discussi nell’incontro di oggi” e “per aumentare la reciproca fiducia e creare le condizioni necessarie per ulteriori negoziati”, una riduzione “delle attività militari” in maniera “radicale”. Fomin ha aggiunto che la Russia chiede a Kiev di attenersi alla Convenzione di Ginevra che vieta la tortura dei prigionieri di guerra.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684