Guerra in Ucraina, attacchi contro ospedale a Zaporizhzhia - QdS

Guerra in Ucraina, razzi russi vicino l’ospedale e infrastrutture energetiche sotto attacco

webms

Guerra in Ucraina, razzi russi vicino l’ospedale e infrastrutture energetiche sotto attacco

Redazione  |
venerdì 25 Novembre 2022 - 11:13

Continua la guerra in Ucraina: nella notte si sono registrati attacchi vicino a un ospedale a Zaporizhzhia e le infrastrutture energetiche sono sempre più colpite.

Continua, purtroppo, la guerra in Ucraina: nella notta appena trascorsa, nuovi attacchi russi hanno danneggiato un ospedale a Zaporizhzhia (Zaporižžja).

Fortunatamente, sembra che non ci siano vittime o feriti. Al contrario, precedenti bombardamenti hanno provocato diverse vittime (solo pochi giorni fa, in seguito a un attacco è morto un neonato).

Guerra in Ucraina, nella notte attacchi contro l’ospedale di Zaporizhzhia

A dare notizia degli attacchi russi nella notte è stato il governatore della regione interessata, Oleksandr Starukh. In un messaggio diffuso tramite Telegram, il governatore ha precisato che “il nemico ha nuovamente attaccato i sobborghi di Zaporizhzhia”.

“Questa volta i razzi hanno colpito vicino all’ospedale. Fortunatamente le persone non sono rimaste ferite, lo stesso non si può dire dell’edificio. Decine di finestre rotte“.

A Kiev energia 2-3 ore al giorno

Il momento è molto difficile per l’Ucraina. Gli ultimi attacchi russi hanno letteralmente spento tutte le centrali nucleari ucraine e distrutto le infrastrutture energetiche di buona parte del Paese. Il presidente Volodymyr Zelensky ha dichiarato al ‘Financial Times’ che i raid di questa settimana hanno creato una situazione che non si vedeva da 80 o 90 anni: “Un Paese nel continente europeo dove non c’è più luce“.

Dmytro Saharuk, direttore esecutivo della società energetica privata ucraina Dtek, infatti, ha recentemente comunicato che a Kiev le luci rimarranno accese per 2-3 ore per i cittadini fino a quando la quantità di elettricità non verrà aumentata.

Inoltre – come ha recentemente sottolineato anche l’Oms – l’inverno si avvicina e, senza riscaldamenti e aiuti adeguati, potrebbe essere fatale per molti tra virus influenzali, Covid, temperature molto sotto lo zero e metodi di riscaldamento “alternativi” ma pericolosi.

Immagine di repertorio

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001