Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza non risponde alle norme nazionali ed europee - QdS

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza non risponde alle norme nazionali ed europee

redazione

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza non risponde alle norme nazionali ed europee

venerdì 05 Febbraio 2021 - 00:00

Riceviamo e pubblichiamo la lettera dell'ingegnere Roberto Di Maria

Caro Direttore,

Ormai è chiaro: il PNRR, per chiunque l’abbia letto con un minimo di cognizione di causa, è una rara accozzaglia di buoni propositi e assegnazione di prebende distribuiti sul territorio nazionale su richiesta di potentati e clienti vari. Con netta prevalenza settentrionale. Tecnicamente, è ormai accertato, si tratta di un documento privo di un’analisi pro-ante, di una definizione degli obiettivi da raggiungere, di una corretta analisi delle azioni da compiere, nell’ambito di una visione di insieme: una cosa del genere, non ha neanche il minimo requisito per considerarsi “Piano per le future generazioni dell’Europa Unita”.Ma chi ha redatto questo documento ha fatto anche di peggio dal punto di vista procedurale.

è impensabile non tenere conto del parere di (alcune?) regioni che – insieme a sindacati, associazioni, portatori di interesse, terzo settore, ecc. – non sono state minimamente interpellate prima e durante la sua stesura. Lo stesso semplice buon senso avrebbe suggerito il contrario. Dovendosi esaminare le necessità locali, i redattori del sedicente Piano avrebbero dovuto tenere conto dei precisi obblighi istituzionali sanciti non soltanto a livello europeo ma anche, e soprattutto, a livello nazionale (Sentenza della Corte Costituzionale 7/2016).

Secondo il trattato dell’Unione, le competenze si ripartiscono tra Europa, Regioni e Stato: non è ammissibile che uno Stato rediga un Piano che ignora il parere di alcune regioni. Nel bene e nel male, queste ultime sono parte organica del Comitato europeo delle Regioni. Analogamente, ai sensi della stessa Costituzione italiana, lo sviluppo e la coesione delle regioni al loro interno non sono materia statale esclusiva. Eppure, chi ha redatto il Piano, sembra proprio non averne tenuto conto, approfittando del silenzio assordante degli stessi governatori delle Regioni più trascurate. Che, guarda caso, sono proprio quelle meridionali.

Ingegnere Roberto Di Maria

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684