Il sacrificio dei sindacalisti uccisi dalla mafia. Celebrata la prima giornata della memoria - QdS

Il sacrificio dei sindacalisti uccisi dalla mafia. Celebrata la prima giornata della memoria

redazione

Il sacrificio dei sindacalisti uccisi dalla mafia. Celebrata la prima giornata della memoria

martedì 07 Maggio 2019 - 00:05
Il sacrificio dei sindacalisti uccisi dalla mafia. Celebrata la prima giornata della memoria

Cgil: sono 70 i dirigenti sindacali, capilega, lavoratori e lavoratrici assassinati tra il 1905 e il 1966. Enzo Campo: “Entro l’anno un calendario contenente le biografie delle vittime siciliane”

PALERMO – Celebrata presso la Cgil regionale, a Palermo, la prima giornata della memoria dei sindacalisti uccisi dalla mafia. Sono settanta i dirigenti sindacali, capilega, lavoratori e lavoratrici che tra il 1905 e il 1966 sono caduti sotto i colpi di Cosa nostra per le loro battaglie per i diritti, per il lavoro e per la legalità.

A loro si aggiunge Pio La Torre, assassinato il 30 aprile del 1982, che è stato anche sindacalista della Cgil. Il percorso di ricostruzione storica da parte della Cgil è iniziato da qualche anno con l’obiettivo di “fare diventare la memoria di parte memoria di tutti – ha spiegato Dino Paternostro, responsabile legalità alla Cgil di Palermo – per fare riconoscere il contributo del sindacato per l’affermazione dei diritti, delle libertà, della democrazia”. Presenti al dibattito, al quale ha anche partecipato il senatore Emanuele Macaluso, i familiari di alcune delle vittime, tra cui quelli di Epifanio Li Puma, Placido Rizzotto, Andrea Raia, Giuseppe Puntarello, Pietro Macchiarella.

In apertura si sono alternati nel leggere i nomi delle vittime diversi familiari di ogni parte della Sicilia. “Uno dei primi passi del nostro percorso – ha raccontato Paternostro – è stato una sorta di pellegrinaggio laico nelle case dei familiari delle vittime. Abbiamo sentito l’esigenza di chiedere scusa per i tanti anni di silenzio, ricevendo un’accoglienza straordinaria”. “Ricordare – ha sostenuto Michele Pagliaro, segretario generale della Cgil Sicilia – è una rivendicazione di identità e di radici che per noi sono un vanto ma è anche un volere rimarcare che intendiamo proseguire con le battaglie affinché il patrimonio di conquiste ottenute anche attraverso il sacrificio della vita non vada perduto, anzi possa consolidarsi, in un momento storico peraltro in cui sono attivi pericolosi tentativi di ritorno indietro sul fronte dei diritti e attacchi continui alla democrazia e alle libertà”.

Da ora, il 30 aprile di ogni anno sarà dedicato dalla Cgil ai sindacalisti caduti per mano di mafia, mentre prosegue l’iniziativa per dare loro volto, nome, rendere riconoscibile la loro storia affinché sia esempio e viatico per battaglie future.

“Dopo le vie dei diritti, l’intitolazione cioè da parte del Comune su proposta della Cgil di diciannove strade del quartiere Bonagia di Palermo ai sindacalisti uccisi – ha detto Enzo Campo, segretario generale della Camera del lavoro di Palermo – la Cgil sta lavorando a un Calendario della memoria contenente le biografie delle vittime di tutta la Sicilia, che sarà pubblicato entro l’anno e che diventerà anche un e-book destinato a scuole e biblioteche”.

“Ricordando i tanti sindacalisti assassinati dalla mafia nella giornata della memoria – ha affermato Gianna Fracassi, vice segretario generale della Cgil – ricordiamo una parte della storia della Sicilia e del Paese. Come sindacato – ha aggiunto – abbiamo l’obbligo di raccogliere il testimone di quelle compagne e di quei compagni caduti per rappresentare gli ultimi e gli sfruttati e per promuovere i loro diritti. Il loro sacrificio è uno sprone ad andare avanti sulla strada da loro tracciata”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684