Non profit, in Sicilia oltre ventunomila occupati - QdS

Non profit, in Sicilia oltre ventunomila occupati

Serena Giovanna Grasso

Non profit, in Sicilia oltre ventunomila occupati

giovedì 24 Ottobre 2019 - 00:00
Non profit, in Sicilia oltre ventunomila occupati

Istat: settimo valore più elevato in Italia, ma tra i più bassi in rapporto ai residenti (88 su 10 mila abitanti). Nel 2018 il numero degli addetti si è ridotto del 2% rispetto all’anno precedente (+4% in Italia)

PALERMO – Nel 2018 le 21.886 istituzioni non profit presenti sul territorio siciliano hanno dato lavoro a 41.726 persone. Secondo i dati contenuti all’interno del report “Struttura e profili del settore non profit”, recentemente diffuso dall’Istituto nazionale di statistica, nell’Isola si concentra il settimo valore maggiormente elevato sia di istituzioni che di occupati. Inoltre, nella nostra regione è anche possibile osservare un incremento più sostenuto rispetto al dato medio nazionale del numero di istituzioni sull’anno precedente (rispettivamente +2,8% e +2,1%).

D’altra parte, però, tutto ciò viene “bilanciato” da una vistosa riduzione del numero di occupati (-2%), contrapposto al notevole incremento mediamente osservato in Italia (+3,9%). In particolare, la nostra è una delle quattro regioni ad aver ridotto nell’ultimo anno il numero di occupati: nel dettaglio, le altre tre aree ad aver fatto rilevare decrementi sono state Umbria (-0,2%), Valle d’Aosta (-3,5%) e Basilicata (-12%). Al contrario, in tutte le altre regioni si sono verificati incrementi, con punte massime pari al +11,8% nella provincia autonoma di Bolzano.

Inoltre, sebbene in termini numerici ci piazziamo relativamente bene, occorre precisare che nella nostra regione il numero di dipendenti in relazione agli abitanti è tra i più contenuti a livello nazionale e decisamente inferiore alla media italiana: infatti, in Sicilia è possibile contare 88 dipendenti al servizio delle istituzioni non profit ogni diecimila abitanti (contro una media nazionale pari a 139,7). Incidenza inferiore rispetto alla nostra si rileva solo in altre regioni meridionali: in particolare, si tratta di Campania (55,8) e Calabria (58,4). La Sardegna è l’unica regione del Mezzogiorno che si avvicina alla media italiana (133,8). Le punte massime, invece, si osservano nella Provincia autonoma di Trento (243,7), seguita a grande distanza dalla Lombardia (189) e dal Lazio (187,5).

Il settore della cultura, sport e ricreazione raccoglie quasi due terzi delle unità di istituzioni (64,5%), seguito da quelli dell’assistenza sociale e protezione civile (9,2%), delle relazioni sindacali e rappresentanza interessi (6,5%), della religione (4,8%) e dell’istruzione e ricerca (4%). Rispetto al 2017, le istituzioni che presentano un incremento percentuale maggiore sono quelle attive nei settori delle relazioni sindacali e rappresentanza interessi e dell’istruzione e ricerca (+3,7%) e della cooperazione e solidarietà internazionale (+3,5%); al contrario, risultano leggermente in calo i settori dello sviluppo economico e coesione sociale (-1,9%) e dell’ambiente (-1,3%).

Il ricorso al personale dipendente è maggiore in alcuni settori d’attività: infatti, se nel complesso l’85% delle istituzioni non profit opera senza dipendenti, nei settori dell’istruzione e ricerca e dello sviluppo economico e coesione sociale le percentuali si attestano rispettivamente al 41,6% e al 26,8%. In questi settori più di un’istituzione su cinque impiega almeno dieci lavoratori. Diversamente, nei settori della cultura, sport e ricreazione, della filantropia e promozione del volontariato e dell’ambiente oltre il 90% delle istituzioni opera senza impiegare personale dipendente per lo svolgimento delle proprie attività. Nel confronto con il 2017, i dipendenti crescono in misura relativamente maggiore nei settori della cultura, sport e ricreazione (+16,1%) e della religione (+12,0%) mentre mostrano una lieve flessione in quelli delle altre attività (-1,2%) e dell’ambiente (-0,3%).

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684