Influenza, quest'anno vaccino gratis per bimbi e over sessanta - QdS

Influenza, quest’anno vaccino gratis per bimbi e over sessanta

Giuseppe Lazzaro Danzuso

Influenza, quest’anno vaccino gratis per bimbi e over sessanta

sabato 06 Giugno 2020 - 02:47
Influenza, quest’anno vaccino gratis per bimbi e over sessanta

Sono le novità contenute nella circolare del Ministero della Salute, raccomandato ai medici in attesa legge per l'obbligo. Il prossimo inverno "non è esclusa una co-circolazione di virus influenzali e coronavirus"



Vaccinazione antinfluenzale raccomandata e gratuita a tutti i bambini da sei mesi a sei anni e non solo ai piccoli che presentino particolari indicazioni di salute, e a tutti gli adulti a partire dai sessant’anni e non più dai sessantacinque.

Sono le due principali novità contenute nella circolare del ministero della Salute per il controllo dell’influenza nella stagione 2020-21. Indicazioni resesi necessarie per l’emergenza legata al nuovo coronavirus, mentre sino a oggi la vaccinazione era gratuita solo per le categorie a rischio.

L’obiettivo è infatti quello di facilitare le diagnosi nelle fasce d’età di maggiore rischio considerando che il prossimo inverno “non è esclusa una co-circolazione di virus influenzali e coronavirus”.

Pertanto, spiega il ministero, la vaccinazione è cruciale per semplificare la diagnosi e la gestione dei casi sospetti, dati i sintomi simili tra Covid-19 e Influenza.

Un aiuto in tal senso potrebbe però arrivare dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie Usa (Cdc), che hanno messo a punto un test in grado di individuare simultaneamente la presenza del virus dell’influenza e del Covid-19, di particolare importanza proprio in vista del prossimo inverno in cui si teme una seconda ondata dei contagi in contemporanea all’influenza stagionale.

Per l’Italia le due categorie chiave restano proprio i bambini e gli over-60: i primi vanno vaccinati anche al fine di ridurre la circolazione del virus influenzale fra gli adulti e gli anziani nell’attuale fase pandemica, i secondi sono la fascia più colpita dal coronavirus e la vaccinazione aiuterebbe a identificare prima i casi di covid.

E ancora: l’antinfluenzale è fortemente raccomandata, “nella prospettiva di una iniziativa legislativa che la renda obbligatoria”, anche ai sanitari che operano a contatto con i pazienti e gli anziani in strutture residenziali. E vista l’attuale situazione epidemiologica, il ministero raccomanda di anticipare le campagne di vaccinazione a partire dall’inizio di ottobre e offrire la vaccinazione ai soggetti eleggibili in qualsiasi momento della stagione influenzale. Andrebbero vaccinate pure le donne in gravidanza, per le quali il vaccino è gratuito.

Alle Regioni, poi, un monito: “Al fine di ridurre l’impatto di una probabile co-circolazione di coronavirus e virus influenzali nel prossimo autunno, è cruciale che Regioni e Province Autonome avviino le gare per l’approvvigionamento dei vaccini al più presto, basandole su stime effettuate sulla popolazione eleggibile e non sulle coperture delle stagioni precedenti”.

L’influenza è classificata tra le prime dieci principali cause di morte in Italia. Da qui l’importanza della vaccinazione, che dovrebbe avere secondo l’Oms un obiettivo di copertura minimo del 75% e del 95% come obiettivo ottimale negli over-65 e nei gruppi a rischio.

Plaude all’estensione della platea per cui la vaccinazione è raccomandata la Federazione nazionale degli ordini dei medici (Fnomceo), mentre il ministero punta a informare la popolazione attivando campagne di educazione anche attraverso i social media e rafforzando il coinvolgimento dei medici di medicina generale e dei pediatri.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684