Siracusa, puliti dal Comune 16 accessi al mare - QdS

Siracusa, puliti dal Comune 16 accessi al mare

Luigi Solarino

Siracusa, puliti dal Comune 16 accessi al mare

sabato 06 Giugno 2020 - 00:00
Siracusa, puliti dal Comune 16 accessi al mare

Si sta provvedendo anche alla collocazione di contenitori per rifiuti aggiuntivi alla Marina. Cna Balneari: “Preoccupati per la gestione delle spiagge libere nel territorio”

SIRACUSA – Oggi prenderà il via la stagione balneare in Sicilia. Pertanto sono iniziati, già da alcuni giorni, gli interventi per la pulizia delle spiagge libere di tutto il territorio di Siracusa e la posa dei cestini portarifiuti lungo gli arenili e nella loro vicinanze.

Si sta provvedendo, anche, alla collocazione di contenitori per rifiuti aggiuntivi, le cosiddette torrette, alla Marina. Per mettere in atto detti interventi è stato necessario attendere l’autorizzazione da parte della Regione Siciliana. I lavori sono stati concordati con la Tekra (la società che gestisce il servizio di nettezza urbana in città) dall’Assessorato all’Ambiente. Gli operai hanno iniziato a lavorato lungo la costa di Fontane Bianche, al Samoa, alla Fanusa, all’Arenella, a Punta del Pero, in contrada Carrozza, alla spiaggia del Minareto.

In tutto, l’intervento interesserà ben 16 accessi al mare, ed una pulizia straordinaria è stata fatta anche al parcheggio coperto di Fontane Bianche. Per quanto riguarda la Marina, venendo incontro alle richiesta degli operatori economici, sono state installate altre cinque torrette che, nei circa 200 metri della passeggiata, si aggiungono alle cinque già esistenti, alle due isole per la differenziata e ai tanti cestini sospesi. Sempre per quanto riguarda le zone balneari, sono state ultimate le operazioni di diserbo di Fontane Bianche, intervento che ha comportato un mese di lavori. Nei prossimi giorni gli operai si sposteranno nelle zone di Plemmirio e di Murro di Porco. Infine, sta raccogliendo consenso l’iniziativa del cassone mobile della Tekra per il conferimento degli sfalci nelle contrade marinare. Numerosi proprietari di seconde case, infatti, si sono recati a Ognina, al piazzale nei pressi della caserma della Guardia di finanza, e in zona Fanusa, nei pressi del distributore di carburante, per conferire gli sfalci al cassone mobile.

Il primo cittadino, Francesco Italia, e l’assessore comunale all’Ambiente, Andrea Buccheri, hanno dichiarato: “Con l’arrivo del mese di giugno e la fase 2 delle misure anti-Covid già avviata da qualche giorno non abbiamo voluto farci trovare impreparati all’inevitabile maggiore affluenza nei luoghi dello svago. L’appello dell’Amministrazione comunale, però, è di non considerare finita l’emergenza sanitaria e di comportarsi sempre nel pieno rispetto delle misura anti-contagio: mascherine, guanti e distanziamento tra le persone. E poi, il rispetto dei luoghi. Stiamo facendo il possibile per il decoro della città e della zone balneari, ma moltissimo dipende soprattutto dalla capacità di ciascuno di non sporcare spazi che appartengono a tutti”.

Frattanto, Gianpaolo Miceli e Guglielmo Pacchione, rispettivamente coordinatore e portavoce di Cna Balneari Siracusa, affermano: “Siamo molto preoccupati per la gestione delle spiagge libere nel territorio. Sappiamo che alcune Amministrazioni hanno pianificato i servizi di salvataggio e controllo ma siamo consapevoli che larga parte della costa non verrà presidiata e per questo motivo auspichiamo in una soluzione rapida che garantisca controlli idonei a scongiurare pericolosi assembramenti che svilirebbero l’opera di tanti imprenditori che saranno assoggettati a numerosi controlli da parte di diversi Enti. Sarà necessario l’operato della Protezione Civile o di altri soggetti con funzioni di steward nel rispetto delle norme”.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684