Istat, occupazione in Sicilia: a Palermo persi mille posti di lavoro - QdS

Istat, “disastro” occupazione in Sicilia: nel 2021 persi 1.000 posti di lavoro a Palermo

webms

Istat, “disastro” occupazione in Sicilia: nel 2021 persi 1.000 posti di lavoro a Palermo

webms |
mercoledì 07 Settembre 2022 - 21:33

L'occupazione nel capoluogo regionale cresce in termini percentuali, ma non in termini numerici: ecco cosa dicono i dati Istat relativi al 2021.

L’Istat ha diffuso i dati relativi al mercato del lavoro nei grandi Comuni relativi al 2021: in Sicilia il tasso di occupazione è tra i più bassi d’Italia. E, purtroppo, a Palermo si sono persi circa mille posti di lavoro (questo nonostante il tasso di occupazione sia salito percentualmente dell’1,3% rispetto al 2020).

Ecco cosa dicono i più recenti dati Istat sulla situazione occupazionale nelle principali città siciliane.

Palermo, persi circa 1.000 posti di lavoro

Nel capoluogo regionale, il tasso di occupazione è in crescita in termini percentuali (+1,3% rispetto al 2020; +1,2% rispetto al 2019). In termini numerici, però, i dati Istat fotografano una realtà diversa: mille unità in meno, mille posti di lavoro persi.

Come si spiega? Semplice: l’aumento percentuale è in realtà dovuto al calo della popolazione inattiva residente a Palermo (il 10,8%). Quest’ultima era di 210mila persone nel 2020, mentre nel 2021 risulta di 188mila. I disoccupati raggiungono il 47%.

Non tutti i dati relativi al capoluogo regionale, però, sono negativi: infatti, a Palermo si registra anche un significativo balzo in avanti dell’occupazione femminile. Nel 2020 le donne occupate (il riferimento è per la popolazione dai 15 ai 64 anni) erano 70mila; nel 2021 risultano 74mila. Anche se persiste il “gap” tra occupazione maschile e femminile, questo risulta ridotto al 17,6%.

La situazione a Messina a Catania

Il report Istat sul lavoro nelle grandi città contiene informazioni anche su Messina e Catania. Nelle due città metropolitane, il tasso di occupazione è tra i più bassi d’Italia e si attesta rispettivamente al 35,1% e al 38,7%.

Per quanto riguarda il resto d’Italia, a Milano gli occupati sono il 70,4%. Una percentuale decisamente lontana da quella delle principali città siciliane. Al Sud complessivamente si registrano meno occupati, ma c’è una significativa eccezione: si tratta di Bari, dove la percentuale degli occupati supera la metà della popolazione attiva e si attesta al 52,8%.

Immagine di repertorio

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684