La chiamata all’eredità - QdS

La chiamata all’eredità

Sebastiano Attardi

La chiamata all’eredità

martedì 12 Ottobre 2021 - 04:10

Molti confondono la “chiamata all’eredità” di un soggetto con la qualità di “erede”

Molti confondono la “chiamata all’eredità” di un soggetto con la qualità di “erede”, e ciò per il semplice fatto che quest’ultimo sia, ad esempio, il figlio del defunto ( altrimenti detto “de cuius”).

La qualità di erede, invece – continuando nel citato esempio – non si acquista automaticamente con la morte del padre, ma s’acquista soltanto quando – rientrando nel novero dei parenti aventi diritto all’eredità, quindi entro il sesto grado – il chiamato all’eredità dichiari espressamente d’accettare quest’ultima.

Potrà fare ciò attraverso un atto notarile oppure attraverso dei fatti inequivocabili che dimostrino la volontà d’assumere la qualifica di erede: ad esempio entrando nel possesso di un appartamento di proprietà del defunto o pagando anche un solo debito del defunto.

Il “chiamato all’eredità” ha 10 anni di tempo per accettare l’eredità e quindi ha anche dieci anni di tempo per rinunziare. La rinunzia all’eredità – ad esempio – fatta dal figli o(“chiamato all’eredità“) nei confronti del padre, se viene effettuata prima del decorso dei dieci anni, esclude qualsiasi responsabilità del primo circa i debiti ereditari del padre.

Di regola le sanzioni tributarie e le contravvenzioni stradali non vanno pagate dagli eredi. La rinunzia va presentata con atto scritto, presso il Tribunale competente, in base al luogo di residenza del defunto.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684