La Dad, strumento utile e necessario per superare il lockdown - QdS

La Dad, strumento utile e necessario per superare il lockdown

redazione

La Dad, strumento utile e necessario per superare il lockdown

lunedì 08 Giugno 2020 - 18:38
La Dad, strumento utile e necessario per superare il lockdown

Il 2020 non è iniziato nel migliore dei modi, siamo passati nel vivere una possibile terza guerra Mondiale con le armi a viverne una contro un avversario invisibile: Il Covid-19.

Questo temibile virus ha fermato L’Italia e non solo sotto ogni punto di vista economico e sociale. Uno dei luoghi che ne ha risentito di più è stata sicuramente la scuola che è stata costretta giustamente a sospendere le proprie attività fino a data da destinarsi, ma ciò non ha fermato la voglia di concludere l’anno al meglio per non rendere vani i sacrifici fatti durante l’anno e soprattutto per lanciare un messaggio ovvero quello di non mollare mai.

È così che per la prima volta si sente parlare di D.A.D. che sta per Didattica a Distanza, dove grazie ai computer, tablet e smartphone gli alunni e i professori svolgono le lezioni dove possibile nella maniera più realistica possibile, ottenendo fino ad ora risultati ottimali infatti le statistiche dicono che l’unica difficoltà riscontrata fino ad ora è quella della mancanza di strumenti adeguati alla D.A.D in alcune famiglie ma fortunatamente gli addetti ai lavori si stanno già organizzando per distribuire i tablet ai ragazzi per partecipare alle lezioni.

Dati alla mano tutti i ragazzi stanno dimostrando una grande forza di volontà nel continuare a lavorare in maniera rispettosa partecipando a tutte le lezioni e soprattutto nel mantenere un buon rendimento scolastico senza lasciarsi condizionare dalla situazione.

Non è meno importante sicuro anche il lavoro dei professori che non stanno lasciando soli gli alunni neanche un giorno rendendosi disponibili sempre per chiarimenti e quant’altro per rendere meno difficile una situazione drammatica come questa.

È certo che una volta finito tutto ciò potremmo dire di esserne venuti più forti ma anche più consapevoli delle nostre capacità e di quanto spesso si sottovaluti la tecnologia utilizzandola solo per scopi futili, mentre da oggi potremmo contare su questa didattica online che per quanto sicuramente la scuola normale che tutti conosciamo sia più efficiente anche quella online qualora in classe non fosse chiaro una cosa potrebbe rendersi utile.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684