La droga e i messaggi in codice: "Che mi porti da mangiare?" - QdS

La droga, l’auto blu e i messaggi in codice: come spacciava il pusher della “Palermo bene”

web-sr

La droga, l’auto blu e i messaggi in codice: come spacciava il pusher della “Palermo bene”

Redazione  |
giovedì 29 Giugno 2023

L'indagine che ha scoperto il giro di droga a Palermo con protagonista lo chef Mario Di Ferro. La ricostruzione.

È nato da una intercettazione disposta nell’ambito di un’altra indagine il procedimento che ha permesso di portare alla luce il giro di droga a Palermo e che ha condotto agli arresti domiciliari Mario Di Ferro, lo chef di Villa Zito, già fermato nelle scorse settimane mentre cedeva delle sostanze stupefacenti a un dipendente dell’Ars.

Il ristoratore si sarebbe occupato di una intensa attività di vendita di cocaina a una selezionata clientela. Il punto nevralgico dello spaccio sarebbe stato un noto ristorante frequentato da big, esponenti politici e uomini dello spettacolo. Tra i clienti che si rivolgevano ai pusher ci sarebbe stato anche l’ex presidente dell’Ars, Gianfranco Miccichè, che non risulta comunque indagato.

Le indagini e le ordinanze di custodia cautelare

Gli investigatori hanno accertato diversi episodi di cessione di droga che l’indagato avrebbe realizzato con l’apporto di altre persone come Gioacchino e Salvatore Salamone, già condannati per spaccio in un processo sui traffici dei clan mafiosi palermitani.

Di Ferro si sarebbe rivolto a loro per rifornirsi dello stupefacente e avrebbe anche usato tre suoi dipendenti come pusher. I Salamone sono stati raggiunti da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, mentre ai tre dipendenti di Villa Zito è stato imposto l’obbligo di firma. I provvedimenti sono stati disposti dal gip Antonella Consiglio, che ha convalidato le richieste della Procura di Palermo. A coordinare l’inchiesta il procuratore Maurizio de Lucia e il pm aggiunto Paolo Guido.

Già nell’aprile scorso Mario Di Ferro venne sorpreso a cedere cocaina all’ex funzionario dell’Ars Giancarlo Migliorisi, all’epoca nella segreteria tecnica del presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana Gaetano Galvagno.

Le conversazioni tra Di Ferro e Miccichè

Tra la facoltosa clientela dello chef, ci sarebbe anche Miccichè. Secondo la Procura, infatti, sarebbero una trentina le cessioni di sostanza stupefacente tra l’esponente di Forza Italia, che al momento non risulta indagato e Di Ferro, quest’ultimo intercettato dagli investigatori.

A insospettire gli investigatori, le conversazioni tra i due, “una sorta di ‘linguaggio in codice’ per ordinare gli stupefacenti facendo banalmente riferimento al numero di ‘giorni’ in cui il politico si sarebbe dovuto recare fuori sede”, si legge nell’ordinanza. Ad esempio Di Ferro domandava “ma quanto, quanti giorni sono?”, e Miccichè “che c… ne so io”.

“Che mi mandi da mangiare?”

“L’inverosimiglianza di alcune conversazioni riferite a presunti viaggi, nel corso delle quali è stato lo stesso Miccichè a mostrarsi all’oscuro della sua partenza: Di Ferro ‘quanti giorni ti fermi fuori?’, e Miccichè ‘dove?'”. In altri casi, secondo gli inquirenti, il linguaggio faceva riferimento al cibo, come quando Miccichè domandava “che mi mandi da mangiare”, e Di Ferro replicava, “ci penso io”.

Tra queste, ne spicca un’altra dove Di Ferro, che in quel momento si trovava in montagna ha fatto riferimento, “ironicamente ma anche eloquentemente, all’abbondanza di ‘neve’, e Miccichè ha replicato chiedendo al proprio interlocutore ‘anche a casa mia? Hai notizie anche a casa mia? No?’, evidentemente alludendo alla possibilità di ricevere alcune dosi di ‘neve'”, si legge ancora nell’ordinanza.

L’Audi blu con il lampeggiante

Numerosi scambi telefonici che, secondo quando ipotizzato dalle indagini, erano finalizzati all’acquisto degli stupefacenti da parte dello stesso Miccichè. Le intercettazioni fra Di Ferro e Miccichè sono iniziate per caso il 17 novembre 2022: i poliziotti ascoltavano lo chef.

Più volte l’esponente avrebbe così raggiunto, anche a bordo di una “Audi dotata di dispositivo lampeggiante sul tettuccio e guidata da un altro soggetto”, l’abitazione privata dello chef e anche Villa Zito per rifornirsi, immortalato dal sistema di videosorveglianza.

La difesa di Miccichè: “Ho la coscienza a posto”

“Escludo in maniera categorica che io mi muova in macchina con lampeggiante acceso. È un errore che ho fatto nella vita di cui sono pentito. Considero molto più importante nella mia vita di essere stato onesto, non avere mai fatto male a nessuno, non avere mai rubato un centesimo. Poi ognuno di noi qualche errore nella vita lo ha fatto. L’importante è essere a posto con la propria coscienza, ed io lo sono”, ha aggiunto successivamente Miccichè attraverso una nota.

Foto di repertorio

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001
Change privacy settings
Quotidiano di Sicilia usufruisce dei contributi di cui al D.lgs n. 70/2017