La mossa del cavallo - QdS

La mossa del cavallo

web-iz

La mossa del cavallo

web-iz |
martedì 18 Gennaio 2022 - 15:23

I "Mattei" si consigliano a vicenda e, come cavalli imbizzarriti, scavalcano il cavaliere.

Salvini muove il suo pezzo e scavalca l’impasse raffigurato,sullo scenario politico, dalla candidatura di Silvio Berlusconi al Quirinale. In questo è consigliato dall’altro Matteo e, soprattutto, da un altro toscano, il suocero Denis Verdini.

Il quale manda un messaggio a Confalonieri e soprattutto a Dell’Utri, gli uomini di guardia e confidenza storica del Cavaliere. L’onore delle armi è stato lealmente dato, ora se non ha i numeri, e secondo il ragionier Verdini non ci sono, si tolga con eleganza e lasci a Salvini il ruolo di kingmaker, se no non coglie e non fa cogliere, come i Siciliani tristemente conoscono.

Salvini nel frattempo fa un’altra mossa di affidabilità europea molto importante. Fa votare la popolare maltese Metsola alla guida del Parlamento Europeo al posto di Sassoli. E con l’ingresso in coalizione di maggioranza politica europea di Salvini la presidenza cambia segno da socialista a popolare. Lasciando fuori da un contesto di accreditamento la concorrente Giorgia Meloni.

Salvini ha raggiunto con Renzi un accordo sul prossimo governo, in cui la Lega ci sarà con il suo segretario, ma per avere margine di manovra bisogna reimpossessarsi di maggiori leve politiche a Palazzo Chigi, spostando al Colle Mario Draghi.

Che è il nome su cui il centrosinistra non può che abdicare, quantomeno il PD, perché i 5stelle , sempre più fuori controllo, comunque voteranno in ordine sparso.

A questo punto il posto a Chigi potrà andare ad un centrista, magari eletto nel PD, e ce ne sono almeno un paio, che pur aspirando al Quirinale non hanno trovato sufficienti condizioni di vittoria.

La mossa rimette al centro del focus politico Matteo Salvini e ritaglia per l’altro Matteo il ruolo di Machiavelli.

“A un principe è necessario sapere usare bene la bestia e l’uomo”. Così diceva Niccolò Machiavelli senza saper nulla di Papeeti e dintorni. Sicuramente Salvini ha caratterizzato in maniera multiforme, ma con protagonismo nel bene e nel male, questa legislatura ed intende, con questa mossa di finale di partita, mettere un ponte di leadership sulla prossima. Se la mossa riuscirà si vedrà nei prossimi giorni. Intanto i giornali ne parlano e questo, oggi, conta e parecchio.

Così è se vi pare.

Giovanni Pizzo

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684