L’Asp “No al ridimensionamento del Chiello di Piazza Armerina” - QdS

L’Asp “No al ridimensionamento del Chiello di Piazza Armerina”

redazione

L’Asp “No al ridimensionamento del Chiello di Piazza Armerina”

mercoledì 12 Febbraio 2020 - 00:00
L’Asp “No al ridimensionamento del Chiello di Piazza Armerina”

L’Azienda sanitaria provinciale ha smentito le voci circa un depotenziamento della struttura. Tra gli obiettivi a medio termine il rafforzamento dell’organico e nuovi obiettivi per il futuro

PIAZZA ARMERINA (EN) – La Direzione dell’Azienda sanitaria provinciale ennese è intervenuta con decisione in merito alle “presunte, e assolutamente inesistenti, scelte aziendali che penalizzerebbero l’Ospedale Chiello”.

In particolare, il management aziendale è intervenuto a seguito del dibattito scatenatosi intorno alla figura di Luigi Costanzo, responsabile del reparto di Chirurgia generale del nosocomio piazzese. “Con riferimento al dibattito che in questi giorni si è acceso a Piazza Armerina – hanno affermato in una nota il direttore generale Francesco Iudica e il direttore sanitario Emanuele Cassarà – desideriamo chiarire che il trasferimento del dottor Costanzo da Piazza Armerina a Enna non è una scelta discrezionale compiuta dalla direzione strategica, ma solo un doveroso adempimento contrattuale di cui il dottor Costanzo ha diritto e che egli stesso ha richiesto di avere riconosciuto. Non si poteva non accogliere, se non compiendo un atto illegittimo”.

“Nelle more delle procedure per la sostituzione – hanno aggiunto i vertici sanitari – abbiamo provveduto ad affidare a lui l’interim della responsabilità della struttura del Chiello, proprio per garantire che non ci sia alcuna interruzione del processo di governo della chirurgia piazzese. Abbiamo già avviato tali procedure, nel pieno e trasparente rispetto delle norme, e al termine della prossima settimana sarà già possibile individuare il nuovo responsabile della Uosd di Chirurgia del Chiello”.

“La notizia di un ridimensionamento della struttura – hanno concluso dall’Asp ennese – è del tutto campata in aria. Il reparto continuerà a funzionare sette giorni su sette e, anzi, speriamo di potere presto, con l’assunzione di nuovi chirurghi a seguito dell’espletamento delle procedure concorsuali, rinforzare l’organico e affidare a esso obiettivi in grado di rendere attrattiva tale struttura anche in ragione di una sua specializzazione”.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684