Legambiente Sicilia chiede a Cdm di impugnare il Piano Casa - QdS

Legambiente Sicilia chiede a Cdm di impugnare il Piano Casa

web-dr

Legambiente Sicilia chiede a Cdm di impugnare il Piano Casa

web-dr |
giovedì 25 Febbraio 2021 - 13:11

Il Piano Casa Sicilia prevede, in deroga alle previsioni degli strumenti urbanistici comunali, l’ampliamento degli edifici esistenti, la realizzazione di nuovi volumi edilizi, la integrale demolizione e ricostruzione anche su sedime diverso (...) di una abitazione.

Legambiente Sicilia ha presentato un’articolata memoria alla Presidenza del Consiglio ed ai competenti Ministeri degli Affari regionali, dell’Ambiente e dei Beni culturali chiedendo che il Consiglio dei Ministri impugni innanzi alla Corte Costituzionale il comma 1 dell’articolo 5 della legge regionale n. 36 approvata il 30 dicembre 2020 dall’Assemblea Regionale Siciliana e che in particolare contiene la proroga sino al 31 dicembre 2023 del cosiddetto Piano Casa.

Il Piano Casa Sicilia prevede, in deroga alle previsioni degli strumenti urbanistici comunali, l’ampliamento degli edifici esistenti, la realizzazione di nuovi volumi edilizi, la integrale demolizione e ricostruzione anche su sedime diverso, la possibilità di ampliamento, demolizione e ricostruzione anche di edifici adibiti ad uso diverso dall’abitazione. E questo anche in talune aree vincolate, all’interno di alcune zone di parchi e riserve naturali, e addirittura nei Siti Natura 2000 vincolati dall’Unione Europea.

Il termine iniziale di vigenza di questa normativa eccezionale e straordinaria era il 2012, posticipato in ultimo al 31 dicembre 2020 quando è intervenuta una ulteriore proroga triennale, senza considerare che queste proroghe e, soprattutto, la stabilizzazione nel tempo delle deroghe che rendono ordinaria una disciplina eccezionale, sono state già oggetto di impugnative, come quella deliberata recentemente dal Consiglio dei Ministri nell’agosto 2020 relativa alla Sardegna.

Colpisce, peraltro, che tale normativa derogatoria che vanifica le previsioni dei piani urbanistici e delle connesse prescrizioni di compatibilità ambientale avvenga dopo la recente emanazione della legge regionale 19/2020 sul governo del territorio e di riforma urbanistica, propagandata come grande riforma storica.

La triste realtà è invece che tali norme di deregulation urbanistica si collocano in un contesto di ripetuti tentativi del legislatore regionale di depotenziare l’autorizzazione paesaggistica e le valutazioni di compatibilità ambientale, su cui è intervenuto più volte in modo deciso il Consiglio dei Ministri con diverse impugnative (24/10/2017, 11/7/2019 e 17/10/2020) e la stessa Corte Costituzionale (sentenza 172/2018).

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684