Lercara Friddi, in sicurezza il Colle Madore - QdS

Lercara Friddi, in sicurezza il Colle Madore

Raffaella Pessina

Lercara Friddi, in sicurezza il Colle Madore

mercoledì 30 Settembre 2020 - 00:00
Lercara Friddi, in  sicurezza il Colle Madore

Movimenti franosi hanno interessato il Comune del Palermitano. Intervento dell’Ufficio contro il dissesto idrogeologico

PALERMO – In un comune del palermitano a Lercara Friddi la Regione ha messo in sicurezza dal dissesto idrogeologico il Colle Madore, rinomato per aver alimentato in passato l’economia della zona con i suoi giacimenti di zolfo e di gesso ma anche per il ritrovamento di un antico insediamento sicano che lo ha fatto diventare un sito archeologico. Negli anni 1995, 1998 e 2004 sono state condotte campagne di scavo, a cura della Soprintendenza ai beni culturali e ambientali di Palermo, che hanno riportato alla luce un’antica area sacra (situata poco sotto la cima) affiancata da vani dedicati alla produzione metallurgica. I reperti rinvenuti negli scavi sono esposti presso il locale Museo civico. C’è però un altro aspetto che lo rende degno di attenzione ed è il movimento franoso che da una decina d’anni insiste sul versante che si trova ad est del centro abitato e dal quale continuano a staccarsi massi che mettono a repentaglio l’incolumità della gente e l’integrità delle abitazioni che si trovano a valle.

L’Ufficio contro il dissesto idrogeologico, guidato dal presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, per realizzare l’intervento di messa in sicurezza ha stanziato un milione di euro e ha già avviato l’iter per acquisire il progetto esecutivo. La gara pubblicata dalla Struttura commissariale, diretta da Maurizio Croce, si concluderà il prossimo tre novembre. Tra le opere in programma, c’è la costruzione di una barriera paramassi ai piedi del costone pericolante. Sarà necessario, inoltre, eliminare dalle pareti le porzioni di roccia instabili, procedere all’imbracatura di tutti quegli elementi che potrebbero subire un distacco ed eseguire una serie di interventi, anche sotto il profilo idraulico, che possano arrestare i fenomeni erosivi e ridare solidità al colle. Una volta completati i lavori, la zona potrà tornare fruibile ai visitatori.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684