Lezioni di risparmio all’ufficio postale di Palermo - QdS

Lezioni di risparmio all’ufficio postale di Palermo

Giovanna Naccari

Lezioni di risparmio all’ufficio postale di Palermo

domenica 19 Maggio 2019 - 00:00
Lezioni di risparmio all’ufficio postale di Palermo

Ciclo di sessioni didattiche rivolte al pubblico dalle Poste per migliorare le competenze dei cittadini nelle scelte di risparmio, investimento e conoscenza dei nuovi strumenti finanziari nell’era digitale

PALERMO – Migliorare le competenze dei cittadini nelle scelte di risparmio, investimento e conoscenza dei nuovi strumenti finanziari nell’era digitale. È il contributo di Poste Italiane, con un ciclo di sessioni didattiche rivolte al pubblico. Il programma, che si svolge tra maggio e giugno, è stato presentato ieri a Palermo, al momento unica tappa siciliana e si sta sviluppando a Roma, Torino, Napoli, Bologna e Treviso. Ciascun evento prevede tre giorni di interventi della durata di 30 minuti ciascuna.
L’Italia si colloca tra l’ultimo e il penultimo posto tra i Paesi del G20 per conoscenza dei cittadini in materia finanziaria. Il deficit è segnalato, tra le istituzioni, da Ocse, Banca d’Italia, Consob.

“Da quanto si evince dai dati dei Paesi del G20, l’investitore italiano medio non è molto informato e si condivide che la conoscenza sia importante per quanto riguarda la famiglia, la pianificazione finanziaria, la gestione dei propri risparmi, la gestione previdenziale e assicurativa, la protezione rispetto agli imprevisti – ha detto Alberto Marino, referente territoriale BancoPosta in Sicilia – Poste Italiane vuole dare il proprio contributo alla crescita della consapevolezza finanziaria dei nostri clienti e di tutta la popolazione, affinché sia più preparata ad affrontare le scelte personali e familiari”. Poste Italiane interviene all’interno delle strategie elaborate dal Comitato sull’educazione finanziaria, istituito nel 2017 dal Mef con l’obiettivo di promuovere e coordinare le iniziative utili a innalzare la conoscenza e le competenze finanziarie, assicurative e previdenziali tra la popolazione per migliorare la capacità di scelte coerenti con i propri obiettivi e le proprie condizioni.

Il progetto in Sicilia al momento tocca solo Palermo. “Abbiamo visto, così come a Roma, che c’è interesse e partecipazione da parte dei cittadini – ha concluso Marino – probabilmente sarà ampliato”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684