Libri, "Un secolo di fuoco", il Seicento dell'Etna - QdS

Libri, “Un secolo di fuoco”, il Seicento dell’Etna

redazione web

Libri, “Un secolo di fuoco”, il Seicento dell’Etna

venerdì 22 Novembre 2019 - 14:54
Libri, “Un secolo di fuoco”, il Seicento dell’Etna

Il volume curato da Lina Scalisi analizza il "Compendio della Naturale Historia di MonGibello" del canonico brontese di Natale Di Pace, manoscritto, confezionato a Palermo nel 1621. Il considerevole apparato iconografico

“Dobbiamo la riscoperta del ‘Compendio della Naturale Historia di MonGibello’ manoscritto, confezionato a Palermo nel 1621, al lavoro prezioso di una storica di questo dipartimento, la professoressa Lina Scalisi”.

Così Giuseppe Di Fazio, della fondazione Domenico Sanfilippo, ha aperto nell’affollatissima aula dedicata a Santo Mazzarino dell’ex monastero dei Benedettini di Catania, la presentazione del volume “Un secolo di fuoco. Il Seicento e l’Etna nel compendio di Natale Di Pace” curato appunto da Lina Scalisi per la Dse.

Un libro di grande interesse quello dedicato al trattato sull’Etna del canonico di Bronte e che possiede inoltre un apparato iconografico non solo considerevole (68 immagini a colori), ma anche stupefacente: un disegno del compendio viene definito come anticipatore – di due secoli – della tipologia di illustrazione dei fenomeni vulcanologici.

Dopo i saluti della direttore del Disum Marina Paino e un’introduzione di Domenico Ciancio Sanfilippo, sono intervenuti Carlos J. Hernando Sanchez dell’Università di Valladolid, specialista del Seicento – che oltre a illustrare l’ importanza del Compendio, ha parlato dell’Etna come mito politico e poetico in Spagna -, il presidente della Società italiana di Storia della Scienza Ezio Vaccari e la stessa Lina Scalisi.

Nel corso della presentazione è stato sottolineato come “Un secolo di fuoco” non solo allarghi l’orizzonte dell’indagine dei fenomeni vulcanici etnei del diciassettesimo secolo, fondamentali per la storia della Sicilia e della Scienza, ma proponga inoltre un’analisi sul come le popolazioni etnee abbiano vissuto il rapporto con le emergenze dell’epoca.

E questo, ha ricordato, da giornalista, Di Fazio, “ci aiuta a paragonarci con la cronaca dei nostri giorni, le alluvioni, e dei nostri mesi se pensiamo al recente terremoto nei paesi dell’Etna”.

Parlando del canonico Di Pace, Lina Scalisi lo definisce “uno studioso avvertito”, sottolineando come nel trattato emergano “disquisizioni filosofiche fortemente intrecciate a teorie nuove, ‘moderne’ per quanto espresse con riserve prudenziali e una predilezione alle idee del passato”.

Nel volume, l’analisi del testo è stata condotta con carattere interdisciplinare grazie ai contributi di Stefano Branca, vulcanologo e direttore della sede catanese dell’Ingv, e del docente di Storia della Scienza dell’Università di Catania Luigi Ingaliso. Entrambi erano presenti alla manifestazione.

Branca, ripercorre la vicenda descritta da Di Pace alla luce della storia eruttiva dell’Etna così come ricostruita dai vulcanologi attraverso le evidenze geologiche.

Ma nel libro, ha sottolineato Vaccari, si parla anche dei danni apportati a coltivazioni e boschi dalla “infuocata materia a modo di liquefatto metallo”.

“Attendiamo dunque – ha sottolineato Vaccari – approfondimenti biografici e sul testo e soprattutto auspichiamo saggi comparativi con il contesto scientifico di quegli anni ma anche culturale, politico, amministrativo, legato al rapporto dell’uomo con l’ambiente e la natura.

E poiché nella prossima primavera si svolgerà a Catania in collaborazione con il Disum il congresso nazionale della Società di Storia della Scienza, Vaccari ha sottolineato che sarebbe interessante riprendere questi temi.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684