Lo stress, amico e nemico - QdS

Lo stress, amico e nemico

Margherita Montalto

Lo stress, amico e nemico

mercoledì 06 Gennaio 2021 - 00:00

Gli elevati ritmi di vita dipendono dalla personalità della persona

Gli stressori ai quali il modo di vivere della società – anche i nostri antenati primitivi erano stressati perché dovevano provvedere a difendersi dalle minacce delle belve feroci e per procacciarsi il cibo – deve far fronte, per le continue sollecitazioni tecnologiche, le richieste di assoluta presenza e competenza che richiedono le attività comportano un livello altissimo di tensione e attenzione.

Gli elevati ritmi di vita dipendono dalla personalità della persona. Selye definiva “tartaruga” il posapiano; “cavallo da corsa”, quello che sta male se non ha qualcosa da fare, frenetico; poi c’è l’intermedio. Il ritmo più a rischio è il frenetico, più esposto a malattie cardiovascolari, infarto, ictus. Il frenetico, ambizioso non ha uno stile di vita “igienico”. Si abbuffa di mille situazioni per poi scontrarsi con se stesso. Chi si pone traguardi alti, avrà certo grande successo, ma per via della sua attività sovraccarica, sempre di corsa e a far fronte all’orologio è a rischio di attacco cardiaco. Questa figura è stata definita da cardiologici come Meyer Friedma e Ray H.Rosemann “tipo A”.

Il “tipo B” non è molto competitivo, non è ossessionato dalla corsa contro il tempo, è quello meno a rischio. Riguardo al tipo frenetico, tutto dipende da “come” gestisce le emozioni, è una questione di “filtri”. La malattia della fretta, o di “tipo A” necessita di un equilibrio che comporta prendersi tempo per se stessi, e come diceva Walt Shefer, docente di sociologia della California State University, “Imparate a vivere ricordando che “solo il cadavere è un’opera interamente terminata”. Quindi i “campanelli di allarme” quali il calo delle difese, disturbi della funzione organica del tipo “non riesco a digerire”, depressione e senso di stanchezza con perdita della gioia di vivere accompagnata dalla fatica di tirare avanti, insonnia, ansia, appartengono allo Stress Nemico. Sovente questi sintomi sono contrastati con uso di sigarette e alcol.

2° e ultima puntata

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684