Malta sempre più mercato di sbocco per i lavoratori siciliani - QdS

Malta sempre più mercato di sbocco per i lavoratori siciliani

redazione

Malta sempre più mercato di sbocco per i lavoratori siciliani

giovedì 10 Febbraio 2022 - 06:30

Siglato accordo tra Cgil regionale e il sindacato Gwu: “Strategie comuni e maggiori tutele”. La comunità italiana conta più di 12mila persone tra residenti, transfrontalieri e distaccati

PALERMO – La Cgil siciliana e la Gwu, la maltese Unione generale dei lavoratori, collaboreranno per assicurare la promozione e la tutela di chi lavora nell’area Sicilia-Malta. Ne hanno discusso i vertici delle due organizzazioni nel corso di un incontro. Primo step l’attivazione del Consiglio Interregionale sindacale (Irtuc) Malta-Sicilia, istituito nel 2017. È seguito, nel 2019, un accordo tra le due sigle, ma tutte le azioni sono state rallentate dall’emergenza sanitaria. Adesso si riparte.

Saranno attivati nelle prossime settimane i due Contact Point Italo-Maltesi, a Pozzallo, presso la Camera del Lavoro e a La Valletta, per un ruolo operativo delle due organizzazioni sindacali “che – si legge in una nota – metteranno in campo il sistema delle tutele individuali, impegnando anche le categorie che fanno riferimento ai settori del turismo, dell’edilizia, dei trasporti, dell’industria e dell’artigianato”.

Malta è diventata negli ultimi anni uno dei principali mercati di sbocco per i lavoratori delle regioni meridionali. Secondo un recente sondaggio i lavoratori italiani ufficialmente a Malta sono più di 12.000, tra residenti, lavoratori transfrontalieri e distaccati, di cui circa 10.000 iscritti all’Aire ( l’anagrafe italiani residenti all’estero), impegnati in tutti i settori dell’economia del Paese, principalmente in quelli dell’accoglienza e dell’edilizia.

“Siamo quindi di fronte a un fenomeno – commentano Alfio Mannino e Peppe Scifo, che hanno partecipato all’incontro con Josef Bugeja segretario generale nazionale GWU, vice Kevin Camilleri e con Felice Stanislao delegato, a Bruxelles per i rapporti Malta-Italia – che, influenzato dallo scenario economico, ha progressivamente acquisito le caratteristiche strutturali, sia in termini di qualità che di dimensioni, dei mercati del lavoro nelle regioni di confine. E questa dimensione richiede una nuova e più forte alleanza tra i nostri sindacati”.

“Alla luce dell’analisi quantitativa e del contesto sociale e politico di questi Paesi – aggiungono – assume un’importanza fondamentale la questione transfrontaliera, che richiede un salto di qualità da parte delle nostre organizzazioni sindacali nell’elaborazione di strategie comuni. Il nostro obiettivo è quello di sostenere la costruzione di una Europa socialesottolineano Mannino e Scifo – attraverso un’azione sindacale sinergica, in modo da frenare la deregolamentazione e l’insicurezza sul lavoro, e favorire lo sviluppo e l’occupazione attraverso la standardizzazione dei sistemi previdenziali, assistenziali e fiscali, definendo uno spazio comune di contrattazione e strumenti contrattuali comuni”.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001