Messina, fidanzata ridotta in schiavitù: arrestato 32enne - QdS

Un “mostro” in casa, riduce la fidanzata in schiavitù e la chiude a chiave in camera

webms

Un “mostro” in casa, riduce la fidanzata in schiavitù e la chiude a chiave in camera

webms |
venerdì 05 Agosto 2022 - 15:45

Una storia incredibile di violenza contro le donne avvenuta in provincia di Messina. Un 32enne pluripregiudicato è accusato non solo di violenze non solo contro la fidanzata, ma anche contro la madre.

Maltrattamenti, lesioni personali aggravate, sequestro di persona e riduzione in schiavitù. Sono questi i reati presumibilmente commessi da un 32enne pluripregiudicato di Messina, arrestato ieri dagli agenti delle Volanti della città dello Stretto.

La relazione, il fidanzamento e la schiavitù

Secondo una prima ricostruzione dei fatti, il 32enne – con diversi precedenti – avrebbe conosciuto una donna e avrebbe iniziato recentemente una relazione con lei. La storia, inizialmente consensuale, si è poi trasformata in un vero e proprio incubo per la malcapitata.

Il 32enne, infatti, è accusato di aver trattato la fidanzata come una vera e propria schiava e di averla sottoposta a maltrattamenti indicibili. La donna, infatti, sarebbe stata più volte picchiata e chiusa in casa. Gli agenti della polizia di Messina l’avrebbero ritrovata chiusa a chiave in una stanza: senza documenti, senza carta di credito, privata del cellulare (nascosto sopra un armadio) per evitare che potesse chiedere aiuto. E come se non bastasse, gli operatori avrebbero individuato sul suo corpo diversi ematomi e lividi. Segni di una relazione violenta dalla quale alla vittima non era permesso fuggire.

La segnalazione della madre e l’arresto

Durante la sua “prigionia”, la donna avrebbe subito ripetutamente violenze fisiche e psicologiche. Il suo aguzzino si trova ora al carcere di Messina Gazzi, in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto.

Il pluripregiudicato è stato denunciato anche per maltrattamenti ed estorsioni nei confronti della madre. Proprio quest’ultima avrebbe avvertito gli agenti, esasperata dopo l’ennesima richiesta di soldi e l’ultima aggressione del figlio.

Immagine di repertorio

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684