Mareamico, il "marrobbio" a San Leone di Agrigento? - QdS

Mareamico, il “marrobbio” a San Leone di Agrigento?

redazione web

Mareamico, il “marrobbio” a San Leone di Agrigento?

martedì 19 Maggio 2020 - 09:16
Mareamico, il “marrobbio” a San Leone di Agrigento?

Il fenomeno - una repentina, imprevedibile e sensibile variazione del livello del mare frequente, per esempio, a Lampedusa o a Pozzallo -, secondo l'associazione ambientalista non si era mai verificata prima in quel luogo



“Ieri a San Leone, frazione balneare di Agrigento, dentro il porticciolo turistico si è verificato uno strano fenomeno: le acque sono state come ‘aspirate’ verso il mare aperto”.

Comincia così una nota dell’associazione ambientalista Mareamico che continua: “ben presto il livello delle acque all’interno del porto si è abbassato di circa un metro rispetto al normale livello, rendendo visibili scogli che normalmente appaiono sommersi e si sono visti diversi gorghi d’acqua impressionanti”.

Secondo l’associazione ambientalista, che ha documentato l’evento con un filmato, si tratta della “prima volta che questo fenomeno si registra ad Agrigento e questa repentina, imprevedibile e sensibile variazione del livello del mare potrebbe essere marrobbio”.

Il marrobbio o marrùbbio è una repentina, imprevedibile e sensibile variazione del livello del mare che può assumere notevoli proporzioni (con movimenti fino a un metro e mezzo di dislivello) soprattutto in primavera ed in autunno, mentre è raro in estate.

In Italia è riscontrabile lungo le coste della Sicilia occidentale nella zona di Trapani, nella Sicilia meridionale (Pozzallo e isola di Lampedusa) e anche a Malta.

Nel fiume Màzaro, a volte l’acqua del mare entra nel fiume nella parte centrale del letto ed esce contemporaneamente dai lati del letto del fiume, provocando seri danni alle imbarcazioni ormeggiate.

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684