Marsala, maltrattamento di animali: denunciato 30enne - QdS

Cani legati senza cibo né acqua e cardellini ammassati in gabbia: denunciato padrone “orco”

webms

Cani legati senza cibo né acqua e cardellini ammassati in gabbia: denunciato padrone “orco”

webms |
giovedì 11 Agosto 2022 - 12:14

Animali prigionieri della crudeltà umana: cani malnutriti e cardellini in condizione di malnutrizione, 10 già morti. Orrore a Marsala.

I carabinieri di Marsala, con l’ausilio del personale specializzato del Nucleo CITES di Trapani (addestrato a contrastare il traffico di animali protetti) e il supporto dei militari della compagnia d’Intervento Operativo del 12^ Reggimento Sicilia, hanno denunciato un 30enne per vari reati, tra cui maltrattamento di animali.

L’uomo, sottoposto a perquisizione nella sua abitazione di proprietà a Marsala, pur esibendo regolare licenza di porto d’armi, deteneva 5 fucili da caccia e vario munizionamento senza alcuna garanzia di sicurezza, peraltro in luoghi diversi da quelli autorizzati.

Maltrattamento di animali, cani senza cibo e acqua a Marsala

I carabinieri, inoltre, approfondendo l’attività ispettiva, hanno notato 3 cani legati in un’area dislocata a ridosso dell’abitazione. Gli animali, razza Pointer, intestati all’indagato con relativo chip identificativo, non avevano a disposizione né acqua né cibo, versando in condizione d’igiene pessime, probabilmente da diverso tempo.

Cardellini ammassati in una gabbia

Ancora, i carabinieri hanno scovato una gabbia dove, ammassati all’interno, vi erano 30 cardellini di varie specie, tutte particolarmente protette, in condizione di malnutrizione e aspra cattività. Addirittura, 10 uccelli, all’atto del rinvenimento, erano già morti.

I militari dell’Arma hanno denunciato l’uomo per maltrattamento e abbandono di animali, oltre che per illegale detenzione di uccelli di specie protetta e omessa custodia di armi e munizioni. Gli inquirenti, viste le armi trovate e i cani da caccia, sospettano che l’indagato possa aver catturato i cardellini durante battute di caccia, violando la normativa a tutela della particolare specie di animali.

I cani e gli uccelli sono stati presi in consegna dai carabinieri e, dopo le cure, potranno tornare in libertà.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684