Mazara del Vallo, pulitura del lungomare Fata Morgana - QdS

Mazara del Vallo, pulitura del lungomare Fata Morgana

Pietro Vultaggio

Mazara del Vallo, pulitura del lungomare Fata Morgana

giovedì 20 Febbraio 2020 - 00:00
Mazara del Vallo, pulitura del lungomare Fata Morgana

Contestualmente avviate opere di dragaggio ed escavazione del Porto canale, attese da 9 anni. Il primo cittadino Quinci: “Finalmente l’area potrà accogliere i fanghi del Mazaro”

MAZARA DEL VALLO (TP) – Al via i lavori di pulitura delle aree della zona di colmata fuori terra del lungomare Fata Morgana di Mazara del Vallo, in cui saranno depositati i fanghi provenienti dal dragaggio del porto canale.

Lo scorso 14 gennaio, i consiglieri Giorgio Randazzo e Ilenia Quinci hanno effettuato un sopralluogo dell’area di colmata alla presenza di associazioni ambientaliste. “Abbiamo constatato – si legge nella nota dei consiglieri – l’abbandono della zona con la presenza di materiali di ogni tipo e, in maniera evidente, la mancanza di interventi di pulizia e adeguamento dei luoghi nel recente passato”.

“Sono lavori complessi – commenta il sindaco Salvatore Quinci – per cui occorre fare un passo dopo l’altro nel pieno rispetto di tutte le norme, specialmente quelle ambientali e sulla sicurezza. Siamo molto soddisfatti perché finalmente questi lavori sono iniziati e presto quest’area di cantiere sarà sistemata e pronta ad accogliere i fanghi del fiume Mazaro. Nel più breve tempo possibile avremo, finalmente, a Mazara la draga pronta a sistemare il nostro fiume”.

Direttore dei lavori è Giancarlo Teresi, dirigente del Genio Civile di Trapani e direttore dei lavori incaricato dalla struttura commissariale della Regione siciliana. Quindi, fondamentali e non più rinviabili, dopo circa 9 anni, le opere di dragaggio/escavazione del Porto canale, che ha avuto ripercussioni catastrofiche sull’economia cittadina “Di fatto la procedura è avviata da tempo. Con i lavori nelle aree di colmata fuori terra ripuliamo una zona nella quale abbiamo già verificato e caratterizzato i materiali che non sono pericolosi. Il tutto nel pieno rispetto dell’ambiente”, sottolinea Teresi.

Successivamente – continua il dirigente del Genio Civile di Trapani – a questi interventi predisporremo le vasche di colmata che serviranno a contenere i materiali da dragaggio, che andremo ad asportare di volta in volta. I materiali, che saranno ricaratterizzati e riselezionati con tutti quelli che saranno utili, serviranno per riqualificare questa zona fuori terra nella quale creeremo un’oasi ambientale di livello”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684