Milazzo: circa 260 mila euro per la rigenerazione urbana - QdS

Milazzo: circa 260 mila euro per la rigenerazione urbana

redazione

Milazzo: circa 260 mila euro per la rigenerazione urbana

martedì 12 Ottobre 2021 - 00:30

In programma interventi importanti per migliorare la vivibilità e che interesseranno sia il centro che le periferie. Attenzione rivolta anche all’abbattimento delle barriere architettoniche

MILAZZO (ME) – La Giunta municipale ha approvato la delibera, proposta dall’assessore ai Lavori pubblici Santi Romagnolo, per dare esecuzione alle prime opere previste grazie ai fondi del ministero dell’Interno con decreto del novembre dello scorso anno. L’obiettivo è rendere non solo più decorose ma anche più funzionali alcune zone che presentano delle criticità.

Con una spesa di circa 260 mila euro si effettueranno gli interventi progettati dall’Ufficio tecnico per cui il dirigente del settore Lavori pubblici, Domenico Lombardo, ha già avviato le procedure di gara per l’aggiudicazione dell’appalto che sarà avviato nei prossimi giorni. Le principali opere riguardano la sistemazione dello slargo compreso tra la via Croce a Capo Milazzo e la via del Mandorlo, al centro spesso di incidenti particolarmente gravi con la realizzazione di uno spartitraffico, e la messa in sicurezza di un tratto della via San Giovanni con la sostituzione della divelta pavimentazione della piazza limitatamente al “nastro stradale” in luogo di una nuova e più sicura pavimentazione in conglomerato bituminoso. Rilevante anche la riqualificazione dell’area che collega la via Giacomo Medici fino alla chiesa San Giacomo con rifunzionalizzazione e allargamento del marciapiede nel tratto di via Francesco Crispi, zona nel cuore della città che spesso si caratterizza per la sosta selvaggia.

In programma anche la messa in sicurezza di un tratto della via San Giovanni; la realizzazione di un’isola stradale nell’intersezione tra la via Giorgio Rizzo e la via Ettore Celi, in modo da consentire un attraversamento pedonale sicuro evitando la sosta selvaggia in quel punto che è uno slargo altamente congestionato; l’allargamento dell’esistente aiuola posta nell’area in prossimità della piazza XXV Aprile con l’obiettivo sempre di evitare spazi “residuali” in punti nevralgici della città con potenziali criticità per la sicurezza stradale. Prevista anche la realizzazione di isole spartitraffico per canalizzare e regolamentare il traffico veicolare nelle seguenti intersezioni: tra la strada di collegamento con l’asse viario e la via Ciantro; slargo compreso tra la via Paradiso e via della Misericordia; la riconfigurazione dell’isola spartitraffico di piazza Mazzini così da creare un separatore idoneo a mettere in sicurezza l’incrocio evitando cambi di corsia improvvisi e sosta selvaggia dei veicoli già canalizzati nei tratti di corsia che si intersecano con la via Regis e con la via Calì.

“Si tratta – ha spiegato il sindaco Pippo Midili – di una prima tranche di interventi di progettazione esecutiva per la rigenerazione urbana con abbattimento di barriere architettoniche, finalizzata a migliorare la qualità insediativa e la possibilità di garantire a tutti un maggiore grado di libertà di movimento, con l’obiettivo di attuare una città pienamente vivibile in ogni tempo della vita, capace di garantire più fruibilità e alleata a particolari categorie di persone deboli: disabili, ma anche anziani, genitori con i passeggini e carrozzine e bambini. Opere necessarie, che coinvolgono non solo il centro ma anche la periferia, interessata molto presto visto che siamo riusciti a ottenere le risorse da altri interventi rilevanti come quello in via Feliciata che da decenni attende una progettualità finalizzata a risolvere il problema del convogliamento delle acque bianche. E sempre in quella porzione di territorio si opererà a una manutenzione della viabilità danneggiata dagli eventi del 2015 col rifacimento di una parte di strada e dei marciapiedi delle zone maggiormente colpite”.

“Azioni mirate – ha concluso il primo cittadino – a un percorso di rigenerazione urbana della Piana”.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684