Modello 730/2021, oggi la scadenza, che cos'è, controlli e sanzioni - QdS

Modello 730/2021, oggi la scadenza, che cos’è, controlli e sanzioni

Luigi Ansaloni

Modello 730/2021, oggi la scadenza, che cos’è, controlli e sanzioni

giovedì 30 Settembre 2021 - 12:56

Oggi è l'ultimo giorno utile per inviare il modello 730 all’Agenzia delle Entrate: si tratta della dichiarazione dei redditi usata per lo più da lavoratori dipendenti e pensionati

Oggi è l’ultimo giorno utile per inviare il modello 730 all’Agenzia delle Entrate: si tratta della dichiarazione dei redditi usata per lo più da lavoratori dipendenti e pensionati, ma i soggetti obbligati all’invio non sono solo loro. Quindi, la scadenza è fissata per oggi 30 settembre.

SCARICA QUI IL MODELLO IN PDF

I dati messi a disposizione dei contribuenti sfiorano 1 miliardo, con l’aggiunta, da quest’anno, delle informazioni sul bonus vacanze, sulle spese scolastiche e sulle erogazioni liberali agli istituti scolastici. Al primo posto le spese sanitarie che raggiungono 718 milioni.

DICHIARAZIONE DEI REDDITI, NOVITÀ E SCADENZE

Sui redditi relativi all’anno di imposta 2021, il 730 deve essere inviato entro il 30 settembre, il Modello Redditi Persone fisiche entro il 30 novembre 2021.

Tra le principali novità del modello 730/2021:

  1. Riduzione della pressione fiscale dei lavoratori dipendenti. Dal 1° luglio 2020 ai lavoratori dipendenti in possesso di un reddito complessivo fino a 28 mila euro spetta il trattamento integrativo, mentre per quelli in possesso di un reddito complessivo da 28 mila a 50 mila euro spetta un’ulteriore detrazione il cui importo diminuisce all’aumentare del reddito. Da tale data non è più possibile fruire del bonus Irpef;
  2. Detrazione per “Superbonus”: per le spese sostenute per ristrutturazione dal 1° luglio 2020 al 30 giugno 2022 spetta una detrazione nella misura del 110% delle stesse, a fronte di specifici interventi finalizzati all’efficienza energetica, nonché al consolidamento statico o alla riduzione del rischio sismico degli edifici, effettuati su unità immobiliari residenziali;
  3. Detrazione per “Bonus facciate”: dal 1° gennaio 2020 è stata prevista una detrazione del 90% per le spese degli interventi finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna degli edifici esistenti;
  4. Campione d’Italia: dal 1° gennaio 2020 è prevista la riduzione del 50% dell’imposta netta determinata ai sensi dell’articolo 188-bis del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917;
  5. Nuova casella “Codice Stato estero”: i contribuenti che si avvalgono in dichiarazione dell’agevolazione prevista per gli impatriati e per i docenti e ricercatori che vengono a svolgere la loro attività in Italia, sono tenuti a indicare il codice dello Stato in cui erano residenti prima di trasferirsi in Italia;
  6. Credito d’imposta per monopattini elettrici e servizi di mobilità elettrica: per i soggetti che rottamano almeno due autovetture è riconosciuto un credito d’imposta di importo massimo di 750 euro per le spese sostenute dal 1° agosto 2020 al 31 dicembre 2020 per l’acquisto di monopattini elettrici, biciclette elettriche o muscolari, abbonamenti al trasporto pubblico, servizi di mobilità elettrica in con- divisione o sostenibile;
  7. Due per mille alle associazioni culturali: quest’anno è possibile destinare nuovamente il due per mille a favore delle associazioni culturali iscritte in un apposito elenco istituito presso la Presidenza del Consiglio dei ministri. Per consentire al contribuente l’effettua- zione della scelta è stato inserito un apposito riquadro nel modello 730-1;
  8. Riduzione in base al reddito di alcune detrazioni d’imposta: da quest’anno l’ammontare di alcune delle detrazioni di cui alla sezione I del quadro E si riduce all’aumentare del reddito fino ad azzerarsi al raggiungimento di un reddito complessivo pari a 240 mila euro;
  9. Credito d’imposta “Bonus vacanze”: se il credito d’imposta Vacanze è stato fruito entro il 31 dicembre 2020, è possibile fruire del relativo importo della detrazione pari al 20 % dell’importo sostenuto.

MODELLO 730 (PRECOMPILATO E ORDINARIO), CHI DEVE PRESENTARLO E COME

Il modello precompilato dal fisco contiene: i dati contenuti nella Certificazione Unica; gli oneri deducibili o detraibili; alcune informazioni contenute nella dichiarazione dei redditi dell’anno precedente; altri dati presenti all’anagrafe tributaria.

Si può scaricare il proprio documento attraverso il portale dedicato, utilizzando l’identità SPID, la Carta d’identità elettronica CIE, le credenziali d’accesso rilasciate direttamente dall’Inps, la Carta nazionale dei servizi, ulteriori credenziali stabilite con provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate indicate sul sito della stessa Agenzia.

Il modello va poi presentato direttamente all’Agenzia delle entrate o al Caf o al professionista o al sostituto d’imposta. Ovviamente, è possibile anche utilizzare il modello 730 non precedentemente compilato dal Fisco.

Sono obbligati alla presentazione coloro che nel 2020 abbiano percepito: redditi di lavoro dipendente e redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente (es. co.co.co. e contratti di lavoro a progetto); redditi dei terreni e dei fabbricati; redditi di capitale; redditi di lavoro autonomo per i quali non è richiesta la partita IVA (es. prestazioni di lavoro autonomo non esercitate abitualmente); redditi diversi (es. redditi di terreni e fabbricati situati all’estero); alcuni dei redditi assoggettabili a tassazione separata, indicati nella sezione II del quadro D.

DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI CONIUGI

Se entrambi i coniugi, o soltanto uno dei sue, possiedono solo i redditi per i quali è richiesto il modello 730, possono presentarlo in forma congiunta.
Non è possibile utilizzarla, invece, se lo si fa per conto di persone incapaci, compresi i minori. O qualora uno dei coniugi fosse deceduto prima della presentazione della dichiarazione dei redditi.

Nella dichiarazione congiunta va indicato come “dichiarante” il coniuge che ha come sostituto d’imposta il soggetto al quale viene presentata la dichiarazione, oppure quello scelto per effettuare i conguagli d’imposta negli altri casi.

MODELLO 730, I SOGGETTI ESONERATI

Sono esonerati dall’obbligo di presentare il modello 730, invece, coloro che possiedono esclusivamente: abitazione principale, relative pertinenze e altri fabbricati non locati (l’esonero non si applica se il fabbricato non locato è situato nello stesso comune dell’abitazione principale); lavoro dipendente o pensione, lavoro dipendente o pensione più l’abitazione principale, le relative pertinenze e altri fabbricati non locati (abitazione principale e pertinenze per le quali non è dovuta l’Imu), rapporti di collaborazione coordinata e continuativa compresi i lavori a progetto. In questi ultimi casi i redditi devono essere corrisposti da un unico sostituto d’imposta obbligato a effettuare le ritenute di acconto o corrisposti da più sostituti purché certificati dall’ultimo che ha effettuato il conguaglio. Inoltre le detrazioni per coniuge e familiari a carico sono spettanti e non sono dovute le addizionali regionale e comunale.

Sono esonerati ancora coloro che siano esclusivamente titolari di: redditi esenti; redditi soggetti a imposta sostitutiva (diversi da quelli soggetti a cedolare secca); redditi soggetti a ritenuta alla fonte a titolo di imposta.

Non devono altresì presentare il modello 730 i contribuenti possedenti esclusivamente i redditi di: terreni e/o fabbricati (comprese abitazione principale e sue pertinenze fino a un massimo di € 500 di reddito; lavoro dipendente o assimilato più altre tipologie di reddito fino a un reddito massimo di 8 mila euro; pensione più altre tipologie di reddito, fino al reddito annuo di 8 mila euro; pensione, più terreni e abitazione principale con sue pertinenze, fino a un reddito massimo di 7.500 euro per la pensione e 185,92 per i terreni; pensione più altre tipologie di reddito, fino a un reddito massimo di 8 mila euro; assegno periodico corrisposto dal coniuge più altre tipologie di reddito fino al tetto massimo di 8 mila euro (è escluso l’assegno di mantenimento periodico per i figli); redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente e altri redditi per i quali la detrazione prevista non è rapportata al periodo di lavoro, fino a un massimo di 4.800 euro; compensi derivanti da attività sportive dilettantistiche fino a un reddito massimo di € 30.658,28.

MODELLO REDDITI PERSONE FISICHE 2021, A CHI SPETTA

Devono presentare il modello REDDITI Persone fisiche 2021 e non possono utilizzare il modello 730 precompilato o ordinario i contribuenti che si nel 2020 hanno percepito: redditi derivanti da produzione di “agroenergie” oltre i limiti previsti dal decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66; redditi d’impresa, anche in forma di partecipazione; redditi di lavoro autonomo per i quali è richiesta la partita IVA; redditi di lavoro autonomo a cui, ai fini delle imposte sui redditi, si applica l’art. 50 del Tuir (soci delle cooperative artigiane); redditi “diversi” non compresi tra quelli indicati nel quadro D, righi D4 e D5; plusvalenze derivanti dalla cessione di partecipazioni qualificate e non qualificate e derivanti dalla cessione di partecipazioni non qualificate in imprese o enti residenti o localizzati in Paesi o territori a fiscalità privilegiata, i cui titoli non sono negoziati in mercati regolamentati; redditi provenienti da “trust”, in qualità di beneficiario.

Ma anche tutti coloro che: nel 2020 e/o nel 2021 non sono residenti in Italia;
devono presentare anche una delle dichiarazioni richieste (IVA, IRAP, Mod. 770 sostituti d’imposta); utilizzano crediti d’imposta per redditi prodotti all’estero diversi da quelli di cui al rigo G4. E pure i contribuenti che: nel 2020 hanno percepito redditi da pensione di cui all’articolo 49, comma 2, lettera a) del TUIR erogati da soggetti esteri, delle persone fisiche che trasferiscono in Italia la propria residenza in uno dei comuni appartenenti al territorio del Mezzogiorno, con popolazione nonsuperiore ai 20 mila abitanti, situati nelle regioni Sicilia, Calabria, Sardegna, Campania, Basilicata, Abruzzo, Molise e Puglia; devono compilare il prospetto degli aiuti di Stato.

Qui è possibile scaricare il modello e prendere visione di tutte le istruzioni per compilarlo.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684