Lentini, morte di Naima Zahir: indagato il marito, si attende l’autopsia - QdS

Lentini, morte di Naima Zahir: indagato il marito, si attende l’autopsia

web-mp

Lentini, morte di Naima Zahir: indagato il marito, si attende l’autopsia

web-mp |
lunedì 14 Marzo 2022 - 19:13

Gli agenti di polizia di Lentini e Siracusa, ritengono improbabile la morte della marocchina legata a un incidente o ad un suicidio. Non convince neanche la versione del marito in tv

Fissata per mercoledì prossimo l’autopsia sul corpo di Naima Zahir, la 45enne trovata senza vita in casa a Lentini. L’ha trovata il marito, riversa in una pozza di sangue causata probabilmente da quel coltello da cucina conficcato nella gola della donna, usato o dalla stessa per uccidersi o dall’assassino per porre fine alla sua vita.

E’ quello che ha raccontato, in queste ultime, ore in diretta tv Massimo Cannone, marito di Naima e unico indagato per la morte della moglie. Un racconto confuso, non lineare, quasi paradossale.

La versione del marito in diretta tv

“Io l’ho detto alla polizia: o si è tolta la vita o qualcuno ha bussato ed entrato. Non lo so. Il coltello lo aveva dietro al collo, lei era sdraiata sul letto. Non abbiamo ricevuto minacce, la porta non era sfondata, il coltello è quello di casa nostra, ho provato a toglierlo per aiutarla. Non so cosa sia accaduto, mia moglie aveva dei problemi ma non so cosa sia accaduto. Ho coperto mia moglie con vestaglia mia”.

“Sono andato in tilt. Ho estratto il coltello dalla gola di mia moglie per cercare di aiutarla. L’ho scossa, poi ho preso il mocio e ho ripulito il pavimento dal sangue. Poi sono andato da mio fratello e abbiamo chiamato i soccorsi. Quando sono ritornato a casa, c’era la polizia che mi ha subito portato via”. Con queste parole, Massimo Cannone ha raccontato cosa è successo lo scorso sabato sera nella sua casa di Lentini.

“Mia moglie morta al 90 per cento”

Secondo la sua versione, infatti, ribadita durante il lungo interrogatorio davanti al Pm Gaetano Bono che coordina le indagini, l’uomo sarebbe rientrato in casa avrebbe trovato la moglie con un coltello conficcato nel collo. A questo punto, “convinto che mia moglie fosse morta al 90%  come lo stesso ha dichiarato su Rai2 – prima di chiamare il 118, prima ancora di gridare aiuto e prima di avvisare le forze dell’ordine, ha pensato di togliere il coltello dal collo della moglie e ha provato a pulire il sangue che aveva formato “una pozzanghera”.

Il sangue per terra ripulito con il mocio, poi la chiamata al 118

Preoccupato per l’arrivo del figlio, l’uomo ha continua a ripulire compromettendo di fatto la scena del crimine. E solo oggi se ne è reso conto. Poi esce di casa e chiama il fratello. Forse solo allora realizza che la moglie è morta, o poco ci manca, e chiama i soccorsi.

Come è morta Naima? L’autopsia sarà determinate per le indagini

Dall’esame autoptico gli investigatori si attendono elementi utili all’indagine. In primis per determinare le cause del decesso di Naima e stabilire se sul corpo della vittima ci sono lesioni o segni di una colluttazione. La tesi del suicidio, ipotesi sostenuta solo dal marito, non sembra convincere gli inquirenti.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684