Non chiudere le scuole, meglio la Dad alternata - QdS

Non chiudere le scuole, meglio la Dad alternata

Lucia Russo

Non chiudere le scuole, meglio la Dad alternata

mercoledì 21 Ottobre 2020 - 00:00
Non chiudere le scuole, meglio la Dad alternata

Gli studenti contro la dad alternata

Mi rivolgo alle migliaia di alunni delle superiori che protestano contro la didattica a distanza alternata alla didattica di presenza, addirittura molti di loro rimpiangendo la didattica per tutti a distanza.

Prima però mi spiego meglio per tutti coloro che sono al di fuori del mondo della scuola.
Per didattica a distanza alternata si intende, in genere, dividere le classi numerose in due gruppi: il primo segue le lezioni di presenza a scuola, il secondo a distanza, a settimane o giorni alterni. Ne è una necessaria premessa l’informatizzazione strutturale e di rete, ma questo è escluso per quelle scuole che negli ultimi anni sono state male amministrate. Indispensabili diventano, quindi, gli insegnanti di buona volontà che mettono a disposizione i loro devices per fare lezione contemporaneamente agli alunni in classe e a quelli collegati a distanza da casa.
Mentre scrivo, solo in Campania le scuole sono state chiuse di nuovo fino al 30 ottobre. Ma perché la Dad alternata è preferibile? Perché l’istruzione dei giovani è il fattore più importante per lo sviluppo di un Paese e non è possibile realizzarla lasciando i giovani a casa. Il confronto tra pari e con il docente fa parte del processo di educazione, ovvero contribuisce a “tirare fuori” tutte le potenzialità dei discenti, ad accendere quel fuoco che, invece, la distanza mantiene spento.

La Dad alternata consente il dimezzamento della popolazione scolastica sui bus e nelle strade, anche se si tratta di un impegno moltiplicato per il docente che deve contemporaneamente fare lezione e controllare che i materiali in condivisione siano ben visibili a casa e che i ragazzi sia in presenza che a distanza siano costantemente attivi. Quante volte nella griglia di figurine – ovvero quello che riusciamo a vedere dei nostri alunni sullo schermo del pc – ci accorgiamo che Cristiano fuma davanti lo schermo, che Samuele ha spento la telecamera e che Cristina si è collegata solo negli ultimi dieci minuti? Però con la Dad alternata Cristiano, Samuele e Cristina la prossima settimana saranno in classe, li guarderemo negli occhi e quella sarà Scuola!

Twitter: @LRussoQdS

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684