Omicron 2 anche in Sicilia, la conferma dell'Iss, cos'è e quanto è pericolosa - QdS

Omicron 2 anche in Sicilia, la conferma dell’Iss, cos’è e quanto è pericolosa

web-la

Omicron 2 anche in Sicilia, la conferma dell’Iss, cos’è e quanto è pericolosa

web-la |
venerdì 28 Gennaio 2022 - 19:54

Lo evidenzia l’indagine rapida condotta dall'Iss e dal ministero della Salute insieme ai laboratori regionali e alla Fondazione Bruno Kessler

La sottovariante di Omicron Ba.2, ribattezzata Omicron 2, è in 9 Regioni, anche in Sicilia, ed è pari all’1% delle sequenze classificate come Omicron. E’ stata segnalata in Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Piemonte, Sicilia e Toscana.

Lo evidenzia l’indagine rapida condotta dall’Iss e dal ministero della Salute insieme ai laboratori regionali e alla Fondazione Bruno Kessler.

“E’ di un certo interesse il fatto che in questa indagine siano state rilevate 21 sequenze riconducibili al lignaggio BA.2, che è causa di più del 50% di infezioni da Sars-CoV-2 in alcuni Paesi Europei tra i quali, in particolare, la Danimarca”, conclude l’Iss.

L’Iss: “Non ha caratteristiche diverse”

«La variante Omicron è ormai largamente predominante in più del 95% dei casi, in alcuni casi
è stata rilevata la variante Omicron 2 ma non è molto diversa nelle caratteristiche da Omicron 1». Lo ha detto il direttore generale della prevenzione del ministero della Salute commentando i dati del monitoraggio di oggi.

Le parole di Bassetti

«I dati della Danimarca che è oggi il Paese del mondo con una maggiore circolazione della variante Omicron 2 ci dicono che a fronte di un aumento del 50% della circolazione del virus si è assistito a una riduzione del 60% delle ospedalizzazioni». Lo sottolinea l’infettivologo genovese
Matteo Bassetti in un punto stampa.

«Omicron 2 è una variante più contagiosa rispetto a Omicron 1 ma certamente meno patogena soprattutto a livello polmonare – aggiunge Bassetti -. Andiamo verso una circolazione
contemporanea di Omicron 1 e 2: dal punto di vista clinico non c’è una grande differenza, siamo di fronte a malati con un quadro meno grave rispetto a Delta».

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684