Omicron, riapertura scuola in Sicilia potrebbe slittare a lunedì 17 - QdS

Omicron, riapertura scuola in Sicilia potrebbe slittare a lunedì 17

web-la

Omicron, riapertura scuola in Sicilia potrebbe slittare a lunedì 17

web-la |
lunedì 10 Gennaio 2022 - 12:42

La riapertura della scuola in Sicilia potrebbe slittare in altri 5 giorni. Dunque, a lunedì 17, visto che un via venerdì 15, e poi subito tutti a casa, sarebbe assurdo

La riapertura della scuola in Sicilia potrebbe slittare in altri 5 giorni. Dunque, a lunedì 17, visto che un via venerdì 15, e poi subito tutti a casa, sarebbe quantomeno assurdo.

«Al di là delle polemiche, se si ascoltano le esigenze giunte in modo unanime dalle scuole e dai Comuni, allora questo rinvio della riapertura di tre giorni e fino anche a cinque giorni, è utile per fare fronte alle nuove misure anti-Covid». Lo ha detto l’assessore all’Istruzione della Regione siciliana, Roberto Lagalla.

La situazione

Sabato si era deciso per tre giorni di prolungamento delle vacanze, al termine della task force regionale sulla ripresa delle lezioni nell’Isola, dopo la pausa per le festività natalizie. Nel corso della riunione con i sindaci l’assessore regionale all’Istruzione Roberto Lagalla ha fatto la sua proposta dopo avere ascoltato sindaci e sindacati.

La task force si riaggiornerà mercoledì pomeriggio, alle 15.30 è prevista una nuova riunione di Anci Sicilia. Al tavolo ha partecipato il Governo regionale insieme con sindacati, studenti, presidi e docenti che condividono le posizioni dei sindaci di un rinvio della ripresa delle lezioni dopo la pausa per le festività natalizie. Per la Regione Siciliana c’erano l’assessore regione all’Istruzione Roberto Lagalla e alla Salute Ruggero Razza.

“Dal confronto emerso in queste ore nell’ambito della task force convocata dall’assessore Lagalla è emersa una condivisione sulle posizioni espresse dall’Anci Sicilia circa la necessità di prevedere un rinvio delle attività didattiche in presenza. Tale posizione e stata condivisa dalle associazioni dei presidi, dalle associazioni degli studenti, dalle organizzazioni sindacali e da altri esponenti del mondo accademico e scientifico”, ha commentato il presidente di Anci Sicilia Leoluca Orlando, a margine della riunione della task force.

“Intervenire con un provvedimento limitato nel tempo – ha aggiunto Orlando – che disponga l’attivazione della didattica a distanza significa evitare il rischio di un grave pericolo nella diffusione della pandemia. Ci auguriamo che le scelte dei comuni possano essere concertate con la Regione e possano scaturire da una ordinanza del presidente Musumeci valida su tutto il territorio. In assenza di ciò come associazione convocheremo un ulteriore incontro oggi pomeriggio per condividere un testo comune di ordinanza che terrà conto dei singoli contesti territoriali”.

Luigi Ansaloni

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684