Ospedale di Castelvetrano, si chiede di mantenere la Rianimazione - QdS

Ospedale di Castelvetrano, si chiede di mantenere la Rianimazione

Pietro Vultaggio

Ospedale di Castelvetrano, si chiede di mantenere la Rianimazione

mercoledì 09 Ottobre 2019 - 00:00
Ospedale di Castelvetrano, si chiede di mantenere la Rianimazione

Indirizzata al ministro della Salute, Roberto Speranza, la richiesta di deroga normativa. L’obiettivo è quello di tutelare un bacino stimato di oltre centomila utenti

TRAPANI – L’assemblea provinciale dei sindaci dei Comuni che costituiscono l’Ambito territoriale dell’Azienda sanitaria provinciale di Trapani, ha partecipato all’approvazione del Piano sanitario provinciale relativo all’organizzazione e alla gestione degli ospedali presenti sul territorio.
Ad esprimersi sul Piano, dopo averne preso visione, sono stati i cinque comuni di Trapani, Alcamo, Castelvetrano, Marsala e Mazara del Vallo con diritto di voto non vincolante.

Nella fattispecie, a favore dell’atto si sono espressi Marsala, Alcamo e Mazara del Vallo, contrario, invece, il sindaco di Castelvetrano, Enzo Alfano, mentre il primo cittadino di Trapani, Giacomo Tranchida, si è astenuto. Durante l’incontro, il sindaco di Partanna, Nicolò Catania, ha rappresentato e fatto trascrivere nel verbale la necessità, condivisa nel tempo con gli altri sindaci del Belice, di inserire in appendice all’atto aziendale anche la richiesta, con ampie e motivate motivazioni, di una deroga normativa, relativa all’operatività dell’ospedale “Vittorio Emanuele II” di Castelvetrano.

Nel dettaglio, Catania ha chiesto di valutare all’interno del Piano il mantenimento del reparto di Rianimazione.
“L’obiettivo finale – precisa il sindaco di Partanna – è quello di assicurare continuità alla richiesta di deroga, così come già ampiamente ribadito nel mese di ottobre dello scorso anno all’assessore regionale alla Sanità, Ruggero Razza, e alla componente della Commissione parlamentare dell’Ars e direttamente, nel mese di novembre, all’allora ministro della Salute e al direttore generale dello stesso dicastero, per mantenere la struttura così come si trova e, anzi, implementarla con ulteriori attività mediche”.

“La proposta, maturata con i colleghi sindaci – continua Catania -, di inserire questa richiesta tiene conto dell’esigenza di garantire il buon funzionamento dell’ospedale di Castelvetrano, essenziale per un bacino stimato di oltre centomila utenti. La considerazione principale verso un territorio nel quale molti comuni hanno beneficiato e beneficiano della vicinanza di questa struttura ospedaliera”.

Parallelamente alla riunione, l’assessore Razza si è adoperato per inoltrare al neo ministro alla Salute, Roberto Speranza, la richiesta ufficiale di deroga normativa in favore dell’ospedale di Castelvetrano.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684