Palermo, aggressione coppia gay, le proteste della comunità Lgbt - QdS

Palermo, aggressione coppia gay, le proteste della comunità Lgbt

web-gl

Palermo, aggressione coppia gay, le proteste della comunità Lgbt

web-gl |
sabato 05 Giugno 2021 - 20:23

Il teatro Massimo fa da cornice al flash mob pomeridiano. Presente anche il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando: "L'identità è un atto supremo di libertà".

Dopo l’aggressione ad opera di una baby gang ai danni di una coppia omosessuale torinese, in vacanza a Palermo, la comunità LGBTQ+ torna ad alzare la voce.

E lo fa a piazza Verdi, luogo simbolo del capoluogo siciliano, con l’appoggio di realtà sindacali quali Cgil e Uil, oltre che dell’associazione Famiglie Arcobaleno, Arcigay e del sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, che ai microfoni de QdS ha detto: “Questa aggressione è una offesa ad una città, una città che ha fatto dei diritti il proprio obiettivo. E che ha costruito un cammino di liberazione nel nome dei diritti. Ecco perché questo è stato un atto gravissimo che colpisce e offende il cammino della città, e al tempo stesso è forte la richiesta di approvare subito la legge Zan, fermo restando che ciò rappresenta il minimo sindacale, perché costituisce la soglia minima del diritto alla libertà e del diritto all’identità”.

Il sindaco Orlando ha così risposto alla domanda in merito alle ricadute, sotto il profilo culturale, che hanno nuovamente macchiato l’immagine della città di Palermo, in un periodo come quello della stagione turistica, con l’estate ormai alle porte, già duramente gravata dal peso della pandemia: “L’identità è un atto supremo di libertà – ha aggiunto il sindaco Orlando – e ognuno di noi, ogni essere umano ha il diritto di scegliere l’identità che ritiene più opportuna, ed è per questo che io non solo chiedo l’immediata approvazione della legge Zan ma chiedo, per esempio, che il parlamento al più presto ponga un rimedio ad un vuoto normativo che riguarda la genitorialità coppie omosessuali”.

La manifestazione è poi proseguita con un urlo a squarciagola, metafora di una rabbia che si concretizza con dei fogli che riportano frasi-spazzatura da cestinare: anche il sindaco orlando ha partecipato all’iniziativa.

Manifestazione comunità Lgbtq+ (Piazza Verdi, Palermo)
Manifestazione comunità Lgbtq+ (Piazza Verdi, Palermo)
Manifestazione comunità Lgbtq+ (Piazza Verdi, Palermo)
Manifestazione comunità Lgbtq+ (Piazza Verdi, Palermo)
Manifestazione comunità Lgbtq+ (Piazza Verdi, Palermo)
Manifestazione comunità Lgbtq+ (Piazza Verdi, Palermo)
Manifestazione comunità Lgbtq+ (Piazza Verdi, Palermo)
Manifestazione comunità Lgbtq+ (Piazza Verdi, Palermo)

Gioacchino Lepre

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684