Progetto “Woman’s freedom in Iran” contro oppressione, soprusi e violenza a Palermo - QdS

Progetto “Woman’s freedom in Iran” contro oppressione, soprusi e violenza a Palermo

redazione

Progetto “Woman’s freedom in Iran” contro oppressione, soprusi e violenza a Palermo

giovedì 07 Novembre 2019 - 00:03
Progetto “Woman’s freedom in Iran” contro oppressione, soprusi e violenza a Palermo

In programma un fitto calendario di appuntamenti pensato per far prevalere l’equità sociale. Campagna per la giustizia e la dignità delle donne iraniane presentata ieri in Comune

PALERMO – Essere donne in Iran, oggi, non è affatto facile. Vittime di oppressione, soprusi e violenze, le donne iraniane vivono un costante clima vessatorio da cui è difficile, se non a volte impossibile, sottrarsi.

Per combattere tali oppressioni e restituire loro dignità nasce “Woman’s freedom in Iran”, una campagna per la giustizia a tutela della libertà delle donne iraniane, presentata ieri a Palazzo delle Aquile, nell’Aula consiliare, alla presenza di Leoluca Orlando, sindaco di Palermo, Giorgia Butera, presidente dell’associazione Mete Onlus (impegnata nell’alto tema dei diritti umani internazionali, nella mediazione socioculturale tra i popoli e nell’affermazione dei principi civili, democratici e liberali), Francesco Leone, presidente Agius (Associazione giuristi siciliani e legal advisor della campagna) e Pino Apprendi, presidente Antigone Sicilia.

“Per noi – ha detto Giorgia Butera – è importante svolgere azioni capillari, intervenendo in più contesti, ed è per questo che abbiamo già avviato diversi rapporti istituzionali, anche a livello internazionale. L’idea di sostenere le donne iraniane nasce in seguito a una lettera ricevuta da parte del ministero degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale – Direzione Generale per gli Affari Politici e di Sicurezza Ufficio IX – su indicazione della Presidenza della Repubblica Italiana, rispondendo a una mia comunicazione relativa alla grave situazione riguardante l’avvocatessa iraniana Nasrin Sotoudeh. Abbiamo ritenuto naturale proseguire il nostro interesse, e sostenere la libertà di queste donne. È previsto il coinvolgimento del mondo sportivo, ricordando che alle donne in Iran è negato l’accesso negli stadi, ma anche quello socio-sanitario grazie alla collaborazione del dottor Salvo Ferranti, e della dottoressa Angela Margiotta (presidente Associazione farmaciste insieme)”.

“L’impegno congiunto con Mete Onlus – ha sottolineato Francesco Leone, socio fondatore dello Studio legale Leone-Fell e presidente Agius, Associazione giuristi siciliani – per il conferimento della cittadinanza onoraria a Nasrin è solo una delle tappe di questa ambiziosa lotta di civiltà che vede la nostra collega iraniana come paradigma significativo fra tanti altri più silenziosi, ma non meno importanti. A partire da qui, per dare visibilità a chi non ne ha, per difendere la democrazia e l’uguaglianza sociale darò anche vita a una fondazione, che oltre la burocrazia possa davvero aiutare chi ne ha più bisogno”.

L’avvocato Leone, da anni al fianco di Mete Onlus nelle diverse battaglie portate avanti dall’associazione, ha deciso di sposare appieno la campagna nella convinzione che sia un dovere di ogni giurista difendere non solo i diritti ma anche il diritto, mettendo i colleghi come Nasrin nelle condizioni di potere svolgere il proprio lavoro. Questo impegno segue le battaglie portate avanti sull’argomento tramite Agius e il Consiglio nazionale Forense. Consulente tematica della Campagna è la giornalista e scrittrice Tiziana Ciavardini, profonda conoscitrice dell’Iran.

L’iniziativa prevede un fitto calendario di appuntamenti, volti alla diffusione della conoscenza e alla necessità ineludibile di far valere, da parte delle donne, la propria giustizia sociale in un Paese dove la negazione dei diritti umani è di enorme rilevanza.

Il primo appuntamento è il 17 novembre, in occasione degli allenamenti a porte chiuse allo Stadio Renzo Barbera, in vista della partita di calcio contro l’Armenia, valida per le qualificazioni agli Europei 2020. Il presidente della Federcalcio, Gabriele Gravina, ospiterà una delegazione di donne iraniane che potranno assistere sia agli allenamenti che alla partita in programma il prossimo 18 novembre.

Il 26 novembre Nasrin Sotoudeh, avvocato e attivista iraniana per i diritti umani, riceverà la cittadinanza onoraria di Palermo. A conferirgliela saranno il sindaco Orlando e l’assessore comunale alle Culture, Adham Darawsha. Nello stesso giorno, a Cefalù, alle ore 18,30, nel Teatro comunale Salvatore Cicero, si terrà un reading-performance: donne che leggono donne, che vivono le loro vite, ne sentono i pensieri e regalano emozioni.

Il 14 dicembre si parlerà di istruzione e vita delle donne in Iran nel corso di una conferenza che si terrà nell’antica facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Palermo. Il 15 dicembre andrà in scena lo spettacolo teatrale “Rose selvatiche” di Alessandro Ienzi – giovanissimo attore, autore e regista dello spettacolo – che racconterà la storia di Nasrin Sotoudeh, la sua dignità professionale che è diventata una missione.

Infine, il 20 dicembre, una conferenza stampa al Senato della Repubblica Italiana sulla situazione delle donne in Iran e l’evoluzione della campagna.

L’immagine dell’iniziativa “Woman’s freedom in Iran”, non poteva che essere una donna iraniana con l’hijab rosso. Il rosso è infatti il colore del melograno, simbolo dell’Iran, ma è anche il colore della disobbedienza, dell’amore e del coraggio.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684