Palermo, rifiuti, situazione critica, la Rap diffidata dal Codacons - QdS

Palermo, rifiuti, situazione critica, la Rap diffidata dal Codacons

web-mp

Palermo, rifiuti, situazione critica, la Rap diffidata dal Codacons

web-mp |
venerdì 13 Agosto 2021 - 16:22

La città di Palermo colpita su più fronti dall'emergenza rifiuti. Da un lato quella interna. Dall'altra l'abbandono di rifiuti degli altri Comuni, ecco cosa sta succedendo

Una grave situazione di degrado urbano che per la periodicità con cui da anni si verifica, conclama l’inaccettabile incapacità delle classi dirigenti nella gestione dei rifiuti della quinta città d’Italia e ne mortifica l’immagine”. Lo afferma il Codacons, che chiede alla Regione di commissariare la Rap di Palermo, la partecipata del Comune che gestisce la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti nel capoluogo siciliano.

“Le tonnellate di rifiuti riverse per strada, il costante odore nauseabondo che, specie nei giorni di particolare caldo, si diffonde nell’aria, non costituiscono soltanto un problema di natura giuridica per l’indiscutibile diritto a vivere in ambiente salubre, costantemente violato, ma pongono – oggi più che mai – una seria questione sociale sulle condizioni di vita che i palermitani subiscono ai loro occhi e dei tanti turisti che visitano una città, priva dei servizi essenziali.

E’, prima di tutto, un’offesa alla dignità dei palermitani”, aggiunge l’associazione dei consumatori.

“Gli ultimi disservizi acuiscono il problema e rappresentano una minaccia all’igiene e alla salute dei cittadini che hanno determinato il Codacons – assistito dall’avvocato Paolo Di Stefano – a notificare il primo atto di una class action pubblica diffidando l’amministrazione comunale e la Rap a ripulire la città, a garantire il regolare servizio di pulizia e di raccolta rifiuti, ad adottare misure idonee a prevenire il ripetersi del fenomeno di degrado, ad assicurare il raggiungimento degli obiettivi di raccolta differenziata e di recupero di materia in tutta la città.

Con la stessa diffida, il Codacons ha invitato gli organi della Regione Siciliana a provvedere alla nomina di commissari straordinari, in applicazione del ‘potere sostitutivo’ previsto dall’art. 14 della Legge Regionale n. 9 dell’8/4/2010 che può esser esercitato in taluni specifici casi, come in ipotesi di mancato controllo del pieno adempimento dell’esecuzione del contratto di servizio nel territorio comunale.

In caso di inottemperanza alla diffida, l’associazione agirà in via giudiziale, fermo il diritto di ogni consumatore di agire in forma collettiva o individuale per la tutela dei propri diritti, compreso quello alla riduzione e restituzione fino al 60% della Tari a causa dei ripetuti disservizi”, conclude la nota del Codacons

Abbandono dei rifiuti degli altri Comuni, scattano le sanzioni

Il vice sindaco di Palermo Fabio Giambrone e il comandante della Polizia municipale Vincenzo Messina hanno predisposto un servizio mirato al contrasto dell’abbandono illecito dei rifiuti provenienti da altri Comuni.

In virtù di questa disposizione, oggi, in via Ernesto Basile, i vigili urbani hanno sanzionato 42 trasgressori, la maggior parte dei quali provenienti da Belmonte Mezzagno, Altofonte, Santa Cristina Gela, Bagheria, San Giuseppe Jato, Carini, Monreale, Marsala, Caccamo, Piana degli Albanesi, Terme Vigliatore (ME) ed anche alcuni palermitani residenti in zone dove vige la raccolta differenziata.

Giambrone e Messina hanno detto che “questi controlli, volti al contrasto della migrazione dei rifiuti, continueranno quotidianamente in tutta la città” ed espresso il loro apprezzamento “per l’encomiabile lavoro svolto dal personale della Polizia municipale”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684