Partite Iva, bonus da 1000 a 150mila euro, i requisiti per averlo - QdS

Partite Iva, bonus da 1000 a 150mila euro, i requisiti per averlo

Ivana Zimbone

Partite Iva, bonus da 1000 a 150mila euro, i requisiti per averlo

venerdì 05 Marzo 2021 - 18:09

Il decreto legge "Sostegno" del nuovo Governo Draghi vuole intervenire anche a sostegno delle partite Iva. Ma rischiano di essere esclusi in tanti e i contributi potrebbero essere irrisori.

Fondi per le partita Iva sì, ma non per tutti. La bozza del dl “Sostegno” sconfessa in parte le aspettative. Tra le misure introdotte, i contributi a fondo perduto per imprese e liberi professionisti, ma ci sono dei limiti imposti che potrebbero non soddisfare le richieste dei contribuenti.

CONTRIBUTI PER PARTITE IVA, I LIMITI

I contributi a fondo perduto per le persone fisiche non potranno essere superiori a 150 mila euro, mentre non potranno essere inferiori a 1000 euro per i soggetti diversi dalle persone fisiche. I contribuenti dovranno scegliere se ricevere il contributo diretto o se usufruire, in compensazione, del credito d’imposta corrispondente.

I REQUISITI

Potranno usufruire del sostegno coloro che avranno dimostrato ricavi e compensi non superiori a 5 milioni di euro nel 2019. Non solo, ma i richiedenti dovranno aver registrato – nel bimestre gennaio/febbraio 2021 fatturato e corrispettivi inferiori ai due terzi degli stessi ottenuti durante il primo bimestre del 2019.
Una deroga è concessa ai soggetti che hanno cominciato la loro attività dal 1° genaio 2019 e che potranno inoltrare richiesta senza questo requisito.

CALCOLO IMPORTO RISTORO, I CRITERI

L’importo del ristoro è calcolato applicando una percentuale – variabile in funzione del proprio guadagno nel periodo d’imposta 2019 – alla differenza tra l’ammontare del fatturato del bimestre gennaio/febbraio 2021 e l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del bimestre gennaio/febbraio 2019. La percentuale è del 20% per i soggetti con ricavi o compensi non superiori a 400 mila euro, del 15% per coloro che hanno raggiunto un fatturato fino al milione di euro, del 10% per quelli che hanno ricevuto compensi fino a 5 milioni di euro nel periodo in esame.

DL SOSTEGNO, NON SOLO CONTRIBUTI

Il decreto legge “Sostegno” si compone di una cinquantina di pagine che mirano a intervenire sul lavoro non solo attraverso i contributi. Sospende le scadenze per i versamenti legati alle cartelle esattoriali fino al 30 aprile, interviene sui congedi parentali, sulle risorse aggiuntive per il trasporto locale, sul potenziamento degli asili nido.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684