Pensione di reversibilità e coniugi separati - QdS

Pensione di reversibilità e coniugi separati

Sebastiano Attardi

Pensione di reversibilità e coniugi separati

martedì 12 Aprile 2022 - 08:42

La Corte Costituzionale, con recente sentenza n. 88/2022, ha ampliato il diritto sia dei separati che dei divorziati

In linea generale quando muore il coniuge che è titolare di una pensione, quest’ultima nella misura del 60% andrà a favore dell’altro coniuge superstite (il più delle volte è la moglie), dei figli minori oppure sino all’età di 21 anni se studenti in genere, e sino a 26 anni se studenti universitari.

Diversa invece è la situazione che si verifica quando la pensione di reversibilità si riferisca a due coniugi che si sono separati e dopo si sono anche divorziati. Nel primo caso (separazione) sino a qualche tempo fa la reversibilità era possibile solo a favore del coniuge separato a condizione però che la separazione non fosse avvenuta per colpa di quest’ultima e che in di lei favore fosse stato previsto l’assegno di mantenimento. Nel secondo caso (divorzio) la reversibilità era possibile solo nel caso in cui fosse stato previsto l’assegno divorzile a favore del coniuge superstite.

Ampliato il diritto di separati e divorziati

Ciò posto, è avvenuto che la Corte Costituzionale, con recente sentenza n. 88/2022, ha ampliato il diritto sia dei separati che dei divorziati. A ciò ha fatto seguito anche la circolare dell’Inps n.19/22. Entrambe hanno stabilito che la pensione spetta anche al coniuge “separato con addebito”, e ciò anche se non sia titolare dell’assegno di mantenimento, purché però non si sia risposato. Per i divorziati, invece, occorre che il coniuge superstite sia titolare dell’assegno divorzile, oltre a non essersi risposato.

Nel caso in cui contestualmente sopravvivano la moglie attuale e l’ex moglie ( non risposata e titolare dell’assegno divorzile), la pensione verrà ripartita dal Giudice tra le due parti, e ciò in proporzione alla durata del loro rapporto coniugale.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684