Piazza del popolo a Marsala, riqualificazione condivisa - QdS

Piazza del popolo a Marsala, riqualificazione condivisa

Vincenza Grimaudo

Piazza del popolo a Marsala, riqualificazione condivisa

martedì 09 Marzo 2021 - 00:00
Piazza del popolo a Marsala, riqualificazione condivisa

Il progetto del Comune che vuole coinvolgere gli operatori economici per il mega investimento: sul piatto un contributo di 15 milioni dallo Stato, si punta ad acquisire immobili di privati

MARSALA (TP) – Quindici milioni di euro da spendere con la massima saggezza per un progetto da cui può dipendere in rilancio di una delle fette più importanti del territorio di Marsala.

Ne è evidentemente convinta l’Amministrazione comunale che su piazza del Popolo sta programmando un’azione condivisa che veda coinvolti in prima persona attività commerciali e semplici cittadini. Il tutto nell’ottica non solo di riqualificare ma anche di incrementare il patrimonio residenziale sociale.

Il piano di investimento è quello relativo al “Programma innovativo nazionale per la qualità dell’abitare”, per il quale è previsto un contributo statale di 15 milioni di euro. La proposta progettuale, con significativi risvolti sociali ed economici, sarà realizzata in un’area urbana del centro storico compresa tra via Abele Damiani e piazza del Popolo. Buona parte dell’investimento riguarda proprio piazza del Popolo, un’area del centro storico che rappresenta un punto di aggregazione e che però nel tempo è stata anche al centro di fatti di cronaca: vandalismi, microcriminalità e l’immancabile abusivismo commerciale e dei fantomatici posteggiatori. I lavori oltre a dare un nuovo aspetto mirano proprio a rilanciare questo pezzo di centro storico, a renderlo ancora più vivibile in modo da allontanare certi contesti criminali.

“L’obiettivo – sostiene il sindaco Massimo Grillo – è quello di riqualificare il patrimonio edilizio residenziale sociale a cominciare da Piazza Del Popolo, nonché rigenerare il tessuto socio-economico cittadino. In tale direzione è fondamentale favorire la più ampia partecipazione di soggetti pubblici e privati operanti nel territorio perché, da qui, si possa cominciare ad attuare un modello urbano di città inclusiva e sostenibile: quella Smart City che corrisponde agli indirizzi adottati dall’Unione Europea”.

Piazza del Popolo, in particolare, sarà al centro di un corposo intervento di riqualificazione al fine di ridarle decoro e rilanciarne la funzione di centro di aggregazione. A tal fine, saranno proposte due soluzioni progettuali su cui anche i cittadini saranno chiamati ad esprimere la propria valutazione: da qui poi l’amministrazione comunale deciderà cosa fare, sulla base delle indicazioni “popolari”. Partner del Comune è lo Iacp di Trapani, l’istituto autonomo case popolari, con il quale è stata stipulata apposita convenzione per coordinare l’azione di riqualificazione nella zona individuata. Qui, com’è noto, sono presenti fabbricati in forte degrado e si rilevano notevoli carenze infrastrutturali che ne frenano il suo rilancio sotto diversi aspetti, a cominciare da quello sociale.

Non a caso, infatti, saranno pure programmati interventi e servizi specifici per categorie fragili (disabili, anziani in solitudine, giovani coppie a basso reddito…). Da evidenziare che nel concedere il finanziamento è lo stesso decreto interministeriale, che coinvolge Infrastrutture e trasporti, Economia e Finanze, Beni culturali e Turismo, che nello stabilire i criteri generali per la valutazione delle proposte privilegia il coinvolgimento di operatori economici pubblici e privati, nonchè del terzo settore.

Il Comune marsalese ha deciso in particolare di avviare due distinte manifestazioni di interesse: in una si coinvolgono enti e privati a candidarsi quali partner con il Comune per la partecipazione al “Programma qualità dell’abitare”; nell’altra invece si intende anche acquisire immobili residenziali nella disponibilità di privati cittadini o altri soggetti.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684