Procreazione medicalmente assistita, terapie riattivate in tutte sicurezza - QdS

Procreazione medicalmente assistita, terapie riattivate in tutte sicurezza

redazione

Procreazione medicalmente assistita, terapie riattivate in tutte sicurezza

mercoledì 20 Maggio 2020 - 00:00
Procreazione medicalmente assistita, terapie riattivate in tutte sicurezza

Da Sigo e Giss un protocollo per garantire la tutela di pazienti e operatori sanitari

in collaborazione con ITALPRESS

ROMA – Buone notizie per le coppie con problemi di fertilità che hanno deciso di ricorrere alla Procreazione medicalmente assistita (Pma) per realizzare il desiderio di avere un figlio. Questi trattamenti, rientranti nel novero delle cure non urgenti e dunque sospesi durante il lockdown, possono finalmente riprendere, a seguito del via libera del Centro nazionale trapianti e del Registro Pma dell’Istituto superiore di sanità.

Ma se da un lato è necessario ripartire prontamente per non infrangere i sogni delle tante coppie – si stima sette-ottomila al mese – che avrebbero dovuto iniziare o proseguire i trattamenti, dall’altro è fondamentale farlo in piena sicurezza.

La Società italiana di ginecologia e ostetricia (Sigo), attraverso il suo gruppo d’interesse speciale (Giss) in Medicina della riproduzione, ha redatto un protocollo per ripartire garantendo la sicurezza di pazienti e operatori sanitari, cui il Centro nazionale trapianti e l’Istituto superiore di sanità raccomandano di attenersi per riorganizzare le procedure di Pma durante la Fase 2.

“La nostra priorità – ha dichiarato Nicola Colacurci, coordinatore del Giss della Sigo – era dare una risposta a tutte quelle coppie che avevano intrapreso un percorso di fecondazione assistita o che erano in procinto di farlo. Donne e uomini che negli ultimi due mesi si sono sentiti abbandonati e hanno vissuto con grande sofferenza l’ansia del tempo che scorre (oltre il 30% delle partner femminili che accede alla Pma ha più di quarant’anni) e il timore di perdere definitivamente le proprie chance riproduttive”.

Il protocollo messo a punto dalla Sigo, oltre alle indicazioni per la riorganizzazione degli spazi e delle attività (dall’accoglienza alla visita, all’esecuzione della procedura) e per il corretto utilizzo dei dispositivi di protezione individuale, prevede tre triage successivi che costituiscono dei check-point di verifica dello stato di salute delle coppie e degli operatori sanitari durante il percorso della Pma. A ogni triage – il primo viene effettuato in teleconsulto per ridurre il numero di accessi ai centri – nel caso in cui uno dei due partner manifesti sintomi lievi o aspecifici, è prevista l’effettuazione dei test sierologici per il dosaggio degli anticorpi Igg e Igm. Diversamente, in presenza di una sintomatologia Covid conclamata, il protocollo dispone che il prelievo ovocitario o il transfer di embrioni congelati vengano rimandati.

“Abbiamo lavorato in sinergia con le Istituzioni sanitarie nazionali – ha aggiunto Colacurci – per identificare delle linee di indirizzo comuni da adottare in questa fase delicata di ripresa dei trattamenti di fecondazione assistita. Abbiamo inoltre dato la nostra massima disponibilità a collaborare con le istituzioni regionali alla stesura di specifici percorsi per ripartire in sicurezza, che tengano conto delle caratteristiche epidemiologiche e delle peculiarità dei singoli territori. C’è poi un altro aspetto di estrema rilevanza in chiave strategica di contenimento del virus durante la Fase 2: le coppie in cerca di prole sono tutte in età lavorativa e quindi potenzialmente più esposte al rischio di contagio. Pertanto, utilizzando l’andamento epidemiologico in tempo reale (tre triage successivi) delle coppie che si sottopongono a Pma, le Istituzioni sanitarie regionali potrebbero disporre di un campione selettivo dell’andamento epidemiologico dell’intera popolazione regionale”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684