Professione docente tra morale ed etica - QdS

Professione docente tra morale ed etica

Margherita Montalto

Professione docente tra morale ed etica

martedì 06 Giugno 2023

L'insegnante svolge il compito morale ed etico di guidare gli studenti

Il ruolo di insegnante deve essere considerato alla luce della morale e dell’etica professionale. Prima in quanto persona Morale, poi docente con Etica. Non può esserci etica senza morale. Assolvere il ruolo di docente è una missione ed è sempre molto più complesso; comporta competenza, abilità e capacità, senza sfociare nella banale tuttologia. La normativa scolastica, sempre più esigente, mira a creare un ambiente scolastico che permetta di essere vissuto da tutti con consapevolezza di essere “cittadini della società scolastica”, ma inseriti nella società, dove conflitti, tolleranza, accettazione, convivenza e solidarietà si incontrano. Il valore morale ed etico dell’Insegnante/Persona trova applicazione nella teoria e nella pratica a scuola attraverso l’insegnamento oltre che delle discipline, anche dell’Educazione civica, introdotta nei programmi scolastici con obiettivi trasversali e verticali.

L’educazione civica ha una lunga storia nella legislazione scolastica. Dal 1945 era nei programmi della scuola elementare; nel 1958 nella scuola secondaria; nel 1979 nella scuola media; nel 1985 introdotta come convivenza democratica; nel 1998 con il DPR 299/1998 con lo Statuto delle studentesse e degli studenti, etc., fino ad oggi con la legge 2019, n. 92. Importante e necessaria, dunque per dare senso all’essere cittadini etici e morali.

L’insegnante, sia nella trasversalità sia nella verticalità dell’insegnamento, svolge il compito morale ed etico di guidare gli studenti di qualsiasi ordine e grado allo studio, non tanto mnemonico, nozionistico, ma uno studio che crei “cultura” della legalità, convivenza, solidarietà, proprio nel riconoscersi quale esempio di Persona Morale ed Etica. Avviare le lezioni con la spiegazione del significato di principi, sanzioni/regole, valori contribuisce a fare capire meglio i diritti e i doveri, lavoro, rispetto della dignità umana, libertà, pace, per essere cittadini appartenenti al territorio italiano e non solo, per dare un contributo con la propria umanità.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001
Change privacy settings
Quotidiano di Sicilia usufruisce dei contributi di cui al D.lgs n. 70/2017