Professioni, i titoli di studio più richiesti dalle imprese - QdS

Professioni, i titoli di studio più richiesti dalle imprese

redazione

Professioni, i titoli di studio più richiesti dalle imprese

martedì 16 Luglio 2019 - 02:00
Professioni, i titoli di studio più richiesti dalle imprese

Secondo dati del Sistema informativo Excelsior di Unioncamere e Anpal, privilegiati quelli amministrativo-finanziari e di marketing, meccatronici, turistici ed enogastronomici, elettronici e informatici

ROMA – Cosa fare dopo il diploma?
Università o lavoro? E se si sceglie di proporsi sul mercato del lavoro, su quale professione puntare?

Ad aiutare i giovani nell’orientamento tra scuola e lavoro, arriva uno studio del Sistema informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere in collaborazione con Anpal, secondo il quale anche a metà 2019 sembrano confermate le positive indicazioni sui contratti che le imprese intendevano stipulare nel 2018: circa 1,6 milioni quelli destinati ai diplomati.

Ma anche per i laureati ci sono buone opportunità: per Unioncamere si dovrebbe superare la quota di 550mila contratti in cui è richiesto il possesso di una laurea. Un totale di 2 milioni di contratti di lavoro per giovani diplomati e laureati.

Tra i diplomi più richiesti dalle imprese spiccano quelli ad indirizzo amministrativo, finanziario e marketing, seguiti dall’indirizzo meccanico e meccatronico, dal settore turistico ed enogastronomico, dall’elettronica ed elettrotecnica e dall’informatica e telecomunicazioni. Tra le professioni di sbocco per i diplomati, il 51,8% dei disegnatori industriali è difficile da reperire; difficoltà anche superiori si registrano per i tecnici elettronici (57,7%) agenti assicurativi e per gli elettrotecnici (71,5%).

Per quanto riguarda i laureati, nel 2018, dei circa 551.000 ‘dottori’ richiesti dal mercato del lavoro, ben 195.000 era di difficile reperimento.
La richiesta da parte delle imprese interessa principalmente gli indirizzi economico e, a seguire, ingegneria, insegnamento e formazione e sanitario e paramedico.

Anche in questo caso le difficoltà di reperimento per i profili di sbocco dei laureati sono spesso elevate: 48,4% per gli specialisti nei rapporti con il mercato, il 52,5% per gli ingegneri energetici e meccanici e il 64,8% per gli analisti e progettisti di software.

Tra i settori produttivi che richiedono laureati, la maggior parte delle richieste proviene dai servizi alle imprese, seguiti dai servizi alle persone, dall’industria manifatturiera, dal commercio, dalle costruzioni, dal turismo.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684